<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=970602192974440&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Il blog dei Rimedi Naturali

Rinforzare le ossa in modo naturale

Immagina la scena: stai entrando in palestra o in un qualsiasi centro sportivo, alzi gli occhi e vedi una scritta “Entra qui se vuoi rinforzare le ossa in modo naturale”. Ma come, non eri andato per tirare su pesi e muoverti a ritmo di “5-6-7-8 ”?

Se sei arrivato in questo articolo probabilmente una parte di te vorrebbe andare in quella zona sconosciuta e scoprire cosa si deve fare davvero per rinforzare le ossa in modo naturale. Per oggi, puoi lasciare da parte sensi di colpa e personal trainer ed entrare nel mondo delle ossa. Nella nostra palestra parleremo di:

Le ossa: le strutture fisse più mobili che puoi avere

Alzi la mano chi ha sempre pensato che le ossa siano strutture fisse e che una volta terminato lo sviluppo rimarranno sempre uguali! Lo confessiamo, all'inizio, la mano l’abbiamo alzata anche noi. Poi, però, se ci pensi c’è molta differenza tra le ossa di un adulto e quelle di una persona meno giovane. Quello che cambia non è solo l’aspetto esteriore ma anche la composizione.

Le ossa sono formate da una parte esterna più dura e resistente (osso compatto) e una parte interna (osso trabecolare), chiamata anche matrice ossea, a sua volta composta da osteoblasti e osteoclasti, i muratori del sistema scheletrico. Sono loro che si occupano di “costruire” e “demolire” le ossa nel corso degli anni.

Se la parola demolire ti ha fatto storcere il naso puoi mettere la parola “rimodellare” e devi sapere che per le tue ossa essere abbattute e ricostruite è del tutto normale. Altrimenti come saresti diventato grande? Come avresti continuamente adattato il tuo scheletro alle varie fasi della vita? Ovviamente il tutto avviene con tempi e modi ben organizzati. Il corpo umano tiene sempre tutto sotto controllo.

E cosa usano i nostri operai come mattoni per fare e rifare le ossa? Il Calcio! Gli osteoblasti costruiscono con il Calcio, sotto forma soprattutto di fosfati, gli osteoclasti riducono lo spessore delle ossa eliminando o sciogliendo proprio questo elemento. A questo punto stupisce poco dirti che le ossa sono le strutture dove si accumula più Calcio rispetto a tutto il corpo, e ne costituiscono il serbatoio di riserva per tutto l’organismo.

Stai pensando che più Calcio introduci più i tuoi osteoblasti avranno scorte per rinforzare le ossa? Diciamo che la risposta è Ni e ora ti spieghiamo perché.

Il calcio è solo la punta dell’iceberg

L’altra domanda del giorno (e qui siamo sicuri di avere la ovazione di mani alzate) è: "Quanti sono cresciuti con la frase: prendi tanto calcio che fa bene alle ossa!”? Ok, puoi abbassare la mano assieme a noi dato che questo dogma ci ha accompagnato per un bel po’ di anni. Ma la realtà è sempre più ricca di sorprese di quanto possiamo immaginare.

Il calcio è importantissimo per le ossa e per fortuna molto di ciò che mangiamo e beviamo ne contiene. Pensa alla stessa acqua che bevi tutti i giorni (ti consigliamo almeno 1.5 litri): è una fonte ricchissima di Calcio.

Un altro elemento importante per tenere alto il tenore di Calcio nell’organismo è la vitamina D.

Questa vitamina ha tantissime proprietà e una delle più importanti è quella di recuperare il Calcio da reni e intestino, che altrimenti andrebbe eliminato attraverso le normali evacuazioni. Tuttavia se pensi che per rinforzare le ossa in modo naturale ti possa bastare fare grandi di scorte di Calcio o di vitamina D sei ancora un po’ fuori strada.

Quello che è importante che tu sappia è che negli anni, quello che diminuisce non è tanto la quantità di Calcio presente nelle tue ossa (che va incontro a un calo naturale) quanto più la capacità del tuo corpo a utilizzarlo nel modo giusto. È come se nel tempo il corpo iniziasse ad avere sempre meno operai che costruiscono, meno vigili che direzionano il calcio nelle zone giuste e minor capacità di trattenere il Calcio dopo che viene introdotto (per esempio da intestino e reni).

Studi scientifici dimostrano che un’integrazione di solo calcio non è sufficiente a rinforzare le ossa, anzi nel tempo può essere addirittura controproducente perché si va a dare del materiale che il tuo corpo non sa più come utilizzare. E purtroppo i magazzini del calcio in eccesso non sono nelle ossa…

Uno studio1 pubblicato sul British Journal of Medicine ha dimostrato che un’integrazione di solo calcio non ha alcun impatto sulla densità ossea e quindi non rende le ossa più protette dal rischio di fratture, anzi! Il calcio in eccesso, si accumulava nelle arterie provocando un aumento del rischio cardio vascolare, nei reni rendendoli più sensibili nei confronti dei calcoli e creando disturbi intestinali.

Insomma a prenderne troppo non si fa certo l’affare della vita! Cosa fare quindi?

Dke + Magnesio

Le vitamine indispensabili: D3 e K2

"Ma non avevate appena detto che la vitamina D non è sufficiente?” Calma, calma. Hai ragione al momento la situazione sembra un po’ confusa ma ti promettiamo che tra poco sarà tutto più chiaro. Hai presente il detto: “Il troppo stroppia”? Diciamo che è il riassunto di quello che ti stiamo per raccontare.

La vitamina D (in particolare la D3) è importantissima e indispensabile per il nostro benessere ma da sola non basta. Se tu prendessi solo vitamina D, per tanto tempo, avresti un gran richiamo di Calcio, come abbiamo visto da reni e intestino. Il Calcio è un minerale “pesante” che tende a depositarsi molto velocemente, cristallizzandosi.

All’inizio la tua integrazione di vitamina D sarà di gran aiuto, ma nel tempo tutto il Calcio che introduci non si riuscirà più a depositarsi nelle ossa e nei denti ma tenderà a fermarsi in altri luoghi come i vasi sanguigni e si potrà dar il via a un fenomeno chiamato “Ossificazione dei vasi”. Ok, quindi? Se ci pensi bene, quello che si fa ogni volta che c’è tanto traffico: mettere un vigile o meglio una vigilessa!

Il nome della nostra vigilessa è vitamina K2 (o Menachinone), e sarà lei che si occuperà di evitare che il Calcio si depositi nelle arterie (specie coronarie, carotidi e aorta) e arrivi direttamente nei luoghi in cui ce ne è bisogno, come ossa e denti. Come fa? La vitamina K2 agisce attivando delle specifiche proteine (Osteocalcina e Proteina GLA) che stimola l’incorporazione del calcio nelle ossa e nei denti, riducendo la probabilità di calcificazioni dei tessuti molli2 (arterie, reni, articolazioni). Inoltre è stato dimostrato che la vitamina K2 riduce il rischio di frattura indipendentemente dai livelli di mineralizzazione ossea3

L’associazione con la vitamina D3 crea una specifica sinergia per il miglioramento della densità ossea. Questo binomio è estremamente utile quando parliamo di: osteoporosi, artrosi degenerativa e spondilartrosi. Inizia a essere un po’ più chiaro? Bene, perché il bello deve ancora venire!

Vitamine E e Magnesio, gli invitati a sorpresa

È il momento degli invitati a sorpresa, che come è tradizione saranno quelli che ti lasceranno più a bocca aperta: vitamina E e Magnesio. Forse, rispetto ai due protagonisti di prima, sono elementi che hai già sentito ma li avevi mai associati al tema del rinforzare le ossa in modo naturale?

La vitamina E è una vitamina che trovi in tantissimi alimenti, soprattutto nei frutti oleosi (come le olive, le arachidi, il mais) e nei semi di grano. E ancora: nei cereali, nelle noci e nelle verdure a foglia verde. Insomma, è una vitamina che non fa certo la misteriosa! La sua particolarità e importanza è la sua capacità di essere un potentissimo antiossidante e combattere i radicali liberi; in pratica quelle sostanze di scarto che non fanno altro che far invecchiare l’organismo più velocemente. Inoltre, la vitamina E è un ottimo antinfiammatorio naturale, proprio quello di cui hai bisogno quando le ossa iniziano a “scricchiolare” e far male.

Quello che è ancora poco conosciuto, è il legame tra vitamina E e ossa. Da recentissimi studi4, è emerso che la vitamina E è in grado di svolgere il compito di “capocantiere” modulando l’attività dei due operai che ti abbiamo presentato all’inizio: osteoblasti (quelli che costruiscono) e osteoclasti (quelli che demoliscono). In particolare, il suo ruolo è quello di favorire il lavoro dei primi e limitare quello dei secondi.

In pratica: ci sono più costruzioni che demolizioni. Questo aspetto è molto importante, specie in situazioni come: osteopenia e osteoporosi oppure quando ti trovi ad affrontare una frattura e hai bisogno di lavoro extra da parte dei tuoi osteoblasti.

E il Magnesio?

Il Magnesio è l’elemento chimico più famoso e a ben vedere! Il suo raggio d’azione è vastissimo: stanchezza, ansia, malumore, stress e ossa! Chi l’avrebbe mai detto che una delle sue tantissime funzioni fosse quella di rinforzare le ossa in modo naturale?!5

E per svolgere questo compito, il Magnesio lavora sia con la vitamina D3 che con la vitamina K2. Con la vitamina D3 si comporta come un direttore che ne regola la funzione dicendole quanto Calcio deve assimilare da reni e intestino. Con la vitamina K2 lavora fianco a fianco nel portare il Calcio all’interno delle ossa ed evitare che si fermi depositi in altri distretti come vene le arterie.

Tutti insieme appassionatamente

Vitamina D3, Vitamina K2, Vitamina E e Magnesio. Detti in questo modo sembrano più dei super eroi che dei nutrienti. Anche se abbiamo visto che di super poteri ne hanno e anche parecchi. E la notizia ancora più bella è che adesso questi paladini delle ossa sono assieme in un unico integratore! DKE + Magnesio, l’integratore 100% naturale di Salugea.

Un prodotto unico, mai esistito sul mercato, adatto a tutti, utile per chi cerca un modo per rinforzare le ossa in modo naturale e non solo.

Tutti noi possiamo vivere delle situazioni per cui abbiamo bisogno di integrare vitamine D, K, E e Magnesio. Pensiamo al periodo invernale quando è praticamente assente una efficace esposizione ai raggi solari, fondamentali per la sintesi di Vitamina D, che a sua volta è basilare per la fissazione del Calcio nelle ossa (alcune stime valutano che almeno il 50% della popolazione in Italia soffra di una carenza di Vitamina D durante i mesi invernali!). Inoltre può essere utile nelle dismenorree, per chi è a rischio di calcificazioni cardio vascolari e per chi cerca un potente antiage.

Ok, sono davvero dei super eroi!

Dke + Magnesio

FONTI

Scritto dalla Naturopata Dott.ssa Federica De Santi e revisionato dal Direttore Tecnico Biologo Dott. Stefano Censani il 08/11/18 17.54, aggiornato il 8/11/2018.

In questo articolo

Hai sempre creduto che per rafforzare le ossa in modo naturale fosse necessario fare grandi scorte di Calcio? Ti dovrai ricredere! E scoprirai quali sono le vitamine davvero amiche delle tue ossa!

TEMPO DI LETTURA STIMATO: 4 min

Iscriviti alla newsletter

Articoli recenti

Il testo ha scopo divulgativo, non deve essere in alcun modo inteso come indicazione di diagnosi e cura di stati patologici e non vuole sostituirsi in alcun modo al parere del Medico.