Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Fumo e Colesterolo: perché il fumo aumenta il rischio cardiovascolare

Hai fatto un prelievo di sangue e i valori del colesterolo erano alti? Il colesterolo LDL era superiore alla norma e ti stai chiedendo se può dipendere dal fumo? La tua intuizione è più che corretta. Fumo e colesterolo sono collegati. In quest’articolo vedremo insieme il rapporto che esiste tra fumo e colesterolo e ti daremo più di un valido motivo per trovare il coraggio di dire addio alle sigarette.

E ricordati di scaricare la tua guida sul colesterolo! Di cosa si tratta?! Del manuale di navigazione ogni marinaio che solca il mare del colesterolo deve avere e che solo grazie ad esso potrà trovare la riva felice e veder scendere i valori. Per averla ti basterà cliccare sul tasto arancione qui sotto.

Clicca qui per scaricare gratuitamente il Manuale del Colesterolo »

Smettere di fumare non è facile, lo so. Per farlo serve una motivazione forte. Dato che anche noi come te teniamo al tuo benessere cardiovascolare, abbiamo deciso di fornirtene più di una.

Non preoccuparti, non ci limiteremo a dirti che il fumo fa male, sarebbe riduttivo.

Ti spiegheremo invece per filo e per segno perché il fumo incide sui livelli di colesterolo cattivo e, per incoraggiarti a smettere, ti racconteremo di come un terzo dei partecipanti di uno studio scientifico, accaniti fumatori, siano riusciti dopo un anno ad aumentare i livelli di colesterolo buono, semplicemente smettendo di fumare, diminuendo così anche il rischio di malattie cardiovascolari.

Direi che di carne sul fuoco fin qui ne abbiamo messa parecchia, è giunto il momento di cominciare a vedere più da vicino il difficile rapporto che lega fumo e colesterolo.

fumo e colesterolo

Fumo e colesterolo: l’acroleina modifica il metabolismo del colesterolo

Anzitutto partiamo da un presupposto fondamentale. Il colesterolo è un componente essenziale per l’organismo. Svolge numerose funzioni e a partire dalla sua molecola vengono sintetizzati gli ormoni steroidei come il progesterone, il testosterone, il cortisone e tanti altri. 

Il problema nasce quando i livelli di colesterolo nel sangue superano i valori considerati nella norma.

Essendo un grasso il colesterolo non si scioglie nell’acqua, né tantomeno nel sangue, dove viene trasportato a bordo di particolari molecole chiamate lipoproteine.

Le lipoproteine si dividono in due gruppi:

  • Lipoproteine a bassa densità o LDL: che trasportano il colesterolo dal fegato verso i tessuti
  • Lipoproteine ad alta intensità o HDL: che al contrario trasportano il colesterolo dai tessuti verso il fegato, dove verrà smaltito o riciclato 1

Secondo gli studi2 scientifici alti valori di colesterolo LDL espongono le persone a un maggior rischio cardiovascolare, a prescindere dai valori del colesterolo totale.

Questo accade perché quando la concentrazione delle lipoproteine LDL è alta, il rischio è che potrebbero depositarsi lungo le pareti delle arterie e formare una placca aterosclerotica, che con il tempo potrebbe aumentare il suo volume e ostacolare il normale flusso sanguigno.

E indovina un po’ il fumo cosa fa? Il fumo aumenta la concentrazione del colesterolo LDL e diminuisce quella del colesterolo HDL34,  aumentando così anche il rischio cardiovascolare.

A modificare il metabolismo del colesterolo è l’acroleina, una sostanza prodotta dal processo di combustione del tabacco.

I 5 effetti negativi del fumo sul rischio cardiovascolare

Il fumo, tra i fattori di rischio cardiovascolare, è uno dei più conosciuti.

Le sostanze nocive contenute nel tabacco non solo influenzano negativamente i livelli di colesterolo nel sangue, modificando la proporzione tra colesterolo buono e colesterolo cattivo, ma incidono in maniera negativa anche sul rischio vascolare. Ossia la possibilità di una persona di incorrere nel corso ella vita in eventi pericolosi per la salute del suo cuore.

Vediamoli più da vicino uno per uno.

Il fumo infatti riduce la quantità di ossigeno nel sangue

Ogni volta che accendi una sigaretta, viene prodotta dal tabacco una sostanza chiamata monossido di carbonio, altamente tossica. Si tratta della stessa sostanza che proviene dai tubi di scarico delle macchine per intenderci.

Quando fumi il monossido di carbonio, prodotto dalla combustione del tabacco, viene assorbito dal sangue attraverso i polmoni e si lega all’emoglobina nei globuli rossi, sostituendosi all’ossigeno.

Di conseguenza si riduce la quantità di ossigeno che i globuli rossi riescono a trasportare attraverso il sangue ai tessuti. La minor ossigenazione dei tessuti comporta a sua volta la comparsa di sintomi come mancanza di respiro e un peggioramento del funzionamento dei muscoli, compreso il muscolo cardiaco.

Il fumo fa male alle arterie perché danneggia le loro pareti

Uno studio condotto dal McGill University Health Centre nel Canada parla chiaro.

Anche una sola sigaretta al giorno costituisce una minaccia per l’elasticità delle arterie, riducendola di un buon 25% anche nelle persone più giovani e nei fumatori occasionali.

Il fumo inoltre restringe la cavità delle arterie, rendendo più difficoltoso il flusso sanguigno e favorendo la formazione di placche aterosclerotiche.  

Il fumo causa l’infiammazione dei vasi sanguigni

Il fumo causa l’infiammazione della parete interna dei vasi sanguigni favorendo la destabilizzazione delle placche aterosclerotiche e la formazione di coaguli.

Il fumo influisce sulla coagulazione del sangue

Il fumo favorisce l’aggregazione piastrinica e aumenta i livelli di fibrinogeno nel sangue, facilitando la formazione di coaguli e trombi nelle arterie.

Tutti questi meccanismi agiscono anche quando il consumo di tabacco è molto basso, quindi chi fuma poche sigarette al giorno corre gli stessi rischi di chi fuma interi pacchetti.

L’unica soluzione per evitare il rischio di malattie cardiovascolari è quindi quella di smettere di fumare.

Sui livelli di colesterolo, come abbiamo visto prima, il fumo agisce direttamente diminuendo i livelli di colesterolo HDL e alzando quelli del colesterolo LDL, il colesterolo cattivo, aumentando così il rischio cardiovascolare.

 Smettere di fumare abbassa davvero il colesterolo?

Ok arrivati a questo punto credo tu abbia molto più chiaro il legame che esiste tra fumo e colesterolo.

Quello che forse ora ti serve è sapere se smettere di fumare ha davvero delle conseguenze (positive) sui livelli di colesterolo. 

Ebbene sì. Smettere di fumare abbassa il colesterolo e a dimostrarlo è uno studio condotto su 1.504 fumatori, sia uomini che donne, con un’età media di 45 anni. Lo studio è durato un anno e ha valutato gli effetti della sospensione del fumo sul profilo lipidico dei partecipanti. Dopo un anno le persone che avevano smesso di fumare avevano migliorato la concentrazione di colesterolo HDL, riducendo così anche il rischio cardiovascolare.

Direi un risultato più che apprezzabile, che potrebbe essere migliorato aggiungendo un po’ di sano esercizio fisico e un’alimentazione sana ed equilibrata.

Quanto dev’essere il colesterolo HDL

Come avrai capito leggendo l’articolo un buon livello di colesterolo HDL nel sangue diminuisce il rischio cardiovascolare, ma quali sono i valori ottimali del colesterolo HDL?

È presto detto. Il valore del colesterolo HDL è considerato ottimale quando è superiore a 60mg/dl.

Se dalle analisi è risultato che il suo valore è inferiore alla norma, potresti provare ad alzarlo cambiando un po’ il tuo stile di vita, smettendo di fumare e mangiando cibi ricchi di omega3, come il pesce azzurro.

Esistono poi numerosi rimedi naturali utili per normalizzare i livelli di colesterolo nel sangue, come la Monacolina K, la Berberina e la Silimarina, presenti nella formulazione di Liposan Forte Salugea; la prima è una sostanza conosciuta anche come “statina naturale”, proprio perché nei confronti del colesterolo agisce con un’efficacia paragonabile alle statine di sintesi, ma senza avere i loro effetti collaterali.

Spero di averti tolto tutti i dubbi sul rapporto che esiste tra fumo e colesterolo e di averti dato più di qualche motivo per smettere.

eBook Manuale del Colesterolo

Ultimo aggiornamento il: 22/11/2019

Scritto da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il

"I veri amici condividono tutto"

Hai trovato questo articolo utile? Condividilo!

I lipidi sono colesterolo? Ti sarà sicuramente capitato di entrare in un laboratorio di analisi cliniche e leggere, magari affi...
Colesterolo e formaggi: ecco tre consigli! Caciotta senese con miele di castagne, caciocavallo con composta di mele renette, fontina con marmel...
Colesterolo alto: cosa lo fa alzare? Sei sempre stata una persona attenta al proprio stile di vita e poco avvezza agli stravizi, nonostan...
Chi ha il colesterolo alto può mangiare il burro? Pane burro e marmellata, spaghetti cacio e pepe, besciamella fatta in casa…Che cosa hanno in comune ...
Colesterolo e birra: si possono bere gli alcolici? Scura, bionda, rossa…Qualunque sia il colore non importa. La birra è sempre la birra e rimane una de...
Cardo Mariano: a cosa serve? Gli antichi Greci lo utilizzavano per trattare i disturbi del fegato, Plinio il Vecchio nella sua “N...

Trackback dal tuo sito.

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Lascia un commento

BIBLIOGRAFIA

1 Epicentro.iss.it colesterolo e ipercolesterolemia.

2 JAMA. 2017 Sep 12;318(10):947-956. doi: 10.1001/jama.2017.11467. Association of Genetic Variants Related to CETP Inhibitors and Statins With Lipoprotein Levels and Cardiovascular Risk. Ference BA, Kastelein JJP, Ginsberg HN, Chapman MJ, Nicholls SJ, Ray KK, Packard CJ, Laufs U, Brook RD, Oliver-Williams C, Butterworth AS, Danesh J, Smith GD, Catapano AL, Sabatine MS.

3Atherosclerosis. 2013 Mar;227(1):51-7. doi: 10.1016/j.atherosclerosis.2012.12.020. Epub 2012 Dec 25.Acrolein-conjugated low-density lipoprotein induces macrophage foam cell formation. Watanabe K, Nakazato Y, Saiki R, Igarashi K, Kitada M, Ishii I.

4PLoS One. 2015 Apr 7;10(4):e0123138. doi: 10.1371/journal.pone.0123138. eCollection 2015.Acrolein impairs the cholesterol transport functions of high density lipoproteins. Chadwick AC, Holme RL, Chen Y, Thomas MJ, Sorci-Thomas MG, Silverstein RL, Pritchard KA Jr, Sahoo D.

Ebook Gratuito Salugea Manuale del Colesterolo

Non perderti il nostro Ebook gratuito:
Manuale del Colesterolo

Scaricalo GratisScarica l'Ebook gratuito:
Manuale del Colesterolo