Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Come avere una buona memoria fotografica

Chi di noi non ha sognato di avere una memoria fotografica eccellente? C’è chi ricorda con facilità strade, password ed eventi del passato e chi, invece, a fatica ricorda il proprio numero di cellulare. Se fai parte della seconda categoria, non ti preoccupare: non avere una memoria di ferro è più comune di quanto pensi.

Avere buona memoria, infatti, è prima di tutto un fattore genetico– e lì non possiamo aiutarti – ma molto dipende anche da quanto alleni il tuo cervello. E qui sì che possiamo darti una mano: ecco 5 dritte per avere una memoria da elefante!

Prima di cominciare: hai già scaricato la Guida dedicata alla Memoria ed alle tecniche più efficaci per mantenerla brillante? Fallo ora qui sotto, è gratuita!

Guida Cos'è la Memoria

Esercizi e consigli per migliorare la memoria visiva

Basta con i post-it attaccati al frigorifero e al computer, o alle continue sveglie impostate sul cellulare: è ora di iscrivere in palestra i tuoi neuroni.

Non è vero che solo da bambini è semplice imparare cose nuove: è vero che è più semplice, ma si può continuare ad allenare e far crescere le potenzialità cerebrali anche da adulti. Il cervello, infatti, non è una materia stabile ma è dotato di neuroplasticità, ossia è in grado di modificarsi, di apprendere e di modellarsi in base alle nostre esperienze anche in età adulta. È in questa fase della vita, soprattutto, che per ricordare meglio fatti e concetti è importante avere una buona memoria fotografica. Sai che la memoria fotografica si può sviluppare? Qui ti sveliamo 5 semplici esercizi per riuscirci.

1) Osserva e scrivi

Apri una rivista e scegli un’immagine ricca di dettagli come un paesaggio o una stanza arredata. Osservala per 30 secondi, poi prendi un foglio e descrivi tutto quello che ricordi della foto. Sarai sicuro di ricordare tutto o quasi, ma quando confronterai i tuoi appunti con l’immagine, rimarrai deluso. Quante cose non hai notato e quante non hai ricordato?

Ti diamo una seconda chance: fai lo stesso esercizio con un’altra foto, vedrai come starai più attento a tutti i dettagli!

Di sicuro sarai rimasto sorpreso dal fatto che hai ricordato colori diversi rispetto a quelli dell’immagine originale. Strano, eppure sei stato super attento questa volta! Allora perché ti sei confuso? Perché ricordare un’immagine non è come guardare una fotografia, ma è quasi come ridisegnarla nella propria testa. I ricordi sono elaborazioni e per questo spesso si confondono colori e dettagli. Allenando la mente, piano piano, la tua memoria diventerà una specie di scanner!

2) Mastica chewing gum

Masticare chewing gum aiuta a memorizzare più facilmente le informazioni. Sembra bizzarro ma funziona, e non siamo noi a dirlo, ma il British Journal of Psychology. Masticare chewing gum, infatti, ci aiuta a mantenere, e soprattutto ad aumentare, la concentrazione perché durante la masticazione si registra un aumento del flusso sanguigno cerebrale che stimola la memoria visiva. Scegli chewing gum naturali, e non esagerare!

3) Stringi i pugni

Anche questo più che un consiglio sembra uno scherzo, ma non è così. Secondo una ricerca della Dott.ssa Ruth E. Propper (Montclair State University) pubblicata sulla rivista scientifica PLOS ONE, stringere il pugno destro aiuta a registrare le informazioni; stringere quello sinistro, invece, a ricordarle.

Sembra che questi semplici movimenti attivano i circuiti cerebrali. Nello specifico:

  • Stringere il pugno destro attiva la parte sinistra del cervello, quella che immagazzina l’informazione.
  • Stringere il pugno sinistro attiva la parte destra del cervello, quella che richiama i ricordi.
Questo semplice esercizio funziona anche se sei mancino.

4) Usa i colori

Chi studia o chi deve immagazzinare tante informazioni per lavoro può usare i colori per allenare la memoria. Non c’è niente di peggio che vedere un insegnante, un relatore o uno studente ripetere a pappagallo. Ricordare le informazioni principali, ti permette anche di rielaborarle.

Mettiamo, per esempio, tu debba memorizzare un testo. Fai così: evidenzia in giallo le date o i dati più importanti, in blu i nomi delle persone da ricordare, in rosa gli obiettivi da perseguire, in arancione tutti gli step per raggiungere gli obiettivi. Vedrai che studiando in questo modo i tuoi occhi fotograferanno la pagina colorata associando a ogni colore un’informazione.

5) Tecnica del chunking

Il chunking, nella psicologia cognitiva, è una tecnica che consiste nello scomporre informazioni complesse in piccole informazioni più semplici, e di conseguenza, memorizzabili. Per farti un esempio, è un po’ come quando dobbiamo memorizzare il numero di un telefono cellulare: non memorizziamo di filato tutta la stringa di numeri, ma la dividiamo in piccoli blocchi (da qui, appunto, “chunk”). Questo perché il nostro cervello, nella memoria a breve termine, è in grado di immagazzinare dai 4 ai 7 elementi.

Un esempio di chunking è anche l’organizzazione dell’articolo che stai leggendo: abbiamo diviso il testo in paragrafi e sotto paragrafi per agevolarti nella lettura, nella comprensione e nella memorizzazione di questi concetti.

Per scoprire tutti i segreti per migliorare la tua memoria, scarica la nostra guida. Ci raccomandiamo però: leggila stringendo il pugno destro e masticando una gomma così le informazioni ti rimarranno più impresse!

Cos'è la memoria e come mantenerla brillante

Ultimo aggiornamento il: 10/12/2018

"I veri amici
condividono tutto"

Conosci un amico che potrebbe trovare utile questo post?
Condividilo con lui!

Scritto da:

Dott.ssa Federica De Santi
Naturopata

il 10/11/16 12.01

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 30/08/2018

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Quanti tipi di memoria hai? Quante memorie hai!? No, non stiamo parlando di schede di memoria della macchina fotografica o del t...
Problemi di memoria e concentrazione: cause e rimedi La difficoltà nel memorizzare informazioni e quella nel concentrarsi non sono legate a questioni di ...
Memoria: è una questione di cervello? Spesso colleghiamo la memoria ad una facoltà del cervello ed a un sinonimo di intelligenza, ma è dav...
Memoria eidetica: tutto quello che devi sapere Memoria fotografica e memoria eidetica non sono proprio la stessa cosa, anche se vengono spesso conf...
Non ricordare le cose: quando è il momento di preoccuparsi? Non ricordare le cose è preoccupante? Quando? Scopriamo insieme come funziona la memoria a breve ter...
La Mente Vagabonda 5 Tecniche per domare i tuoi pensieri Scopri semplici tecniche per gestire le preoccupazioni, mante...