Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Integratori per anziani

Vitamine, minerali ed estratti vegetali per mantenersi in forma durante la terza età

La vita è un viaggio meraviglioso di cui dovremmo gustare ogni tappa e momento.

Oggi, rispetto a solo qualche decennio fa, abbiamo il privilegio di vivere molto più a lungo. Riuscire a farlo al meglio dovrebbe essere per tutti una priorità. Purtroppo, però, dobbiamo fare i conti anche con la realtà: con l’aumentare degli anni aumentano anche i fastidi. Soprattutto, può diventare difficile assumere ogni giorno i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno per mantenersi sano e attivo.

È proprio in questi casi che si rivela utile – e opportuno – l’utilizzo di quelli che vengono spesso indicati con il nome di “integratori per anziani”, o integratori per persone dai 60 anni in su (60+). Ma quali utilizzare per vedere dei risultati reali e non buttare via soldi inutilmente?

integratori per anziani

In quest’articolo vedremo quali sono gli integratori utili per mantenersi in forma e rendere al meglio in ogni giorno della vita anche in età avanzata. In particolare ci concentreremo sull’importanza di alcune vitamine, minerali ed estratti vegetali quali:

  • Calcio e vitamina D: fondamentali per il benessere delle ossa e prevenire l’osteoporosi, un disturbo caratterizzato da un impoverimento della massa ossea. Questo impoverimento è dovuto, nella maggior parte dei casi, proprio a una carenza di vitamina D, che come evidenziato da studi clinici è molto frequente nelle persone anziane. Accade perché con l’età diminuisce la capacità dell’organismo di sintetizzare questa preziosa vitamina sfruttando l’azione naturale dei raggi solari.
  • Artiglio del diavolo e Boswellia: alleati preziosi per aiutare le funzioni articolari e le ossa, che come forse già saprai sono disturbi legati all’avanzare dell’età. Oltre all’utilizzo quotidiano di antinfiammatori, molto spesso ben poco tollerati dalla mucosa gastrica e intestinale, esiste anche la possibilità di valutare l’impiego di questi estratti vegetali. Possono avere un’azione molto simile a quella delle molecole di sintesi, senza averne però gli stessi effetti collaterali. Per questo sono adatti a essere utilizzati anche per lunghi periodi. Perché non parlarne con il medico?
  • Riso rosso fermentato e antiossidanti: la chiave per mantenere sotto controllo i livelli di colesterolo in modo naturale. Le monacoline del Riso rosso fermentato agiscono sulla sintesi epatica del colesterolo, mentre gli antiossidanti contrastano l’ossidazione delle particelle di colesterolo LDL, noto anche come colesterolo cattivo, che una volta ossidate si depositano lungo le arterie fino a formare delle placche che ne restringono il diametro
  • Omega 3 e Bacopa monnieri: dei veri e propri booster per sostenere le capacità cognitive e conservare la memoria. L’efficacia di questi integratori alimentari per gli anziani è stata evidenziata nel tempo da numerosi studi clinici che approfondiremo nell’articolo
  • Vitamine naturali: Vitamina D3 per sostenere in modo efficace e naturale il corretto funzionamento del sistema immunitario, sia da sola, sia in associazione alla vitamina E e alla vitamina C, due potentissimi antiossidanti in grado di proteggere le cellule immunitarie dallo stress ossidativo. La vitamina C, inoltre, è direttamente coinvolta anche nei meccanismi di sintesi delle cellule immunitarie e in quelli di risposta del sistema immunitario all’azione degli agenti patogeni (virus e batteri).

Il mercato oggi abbonda di integratori alimentari suddivisi per fasce d’età (50+, 60+, etc.) e adatti a soddisfare le esigenze più disparate. La scelta è così vasta che orientarsi è davvero difficile. Tu sai riconoscere un integratore davvero di qualità per te stesso, te stessa o per i tuoi cari? Puoi trovare qualche dritta nell’ebook gratuito “Guida agli integratori”. L’ebook è gratuito e puoi scaricarlo qui:

Scarica la Guida Gratuita: Come riconoscere un integratore di qualità

Quello che hai letto fin qui è solo un’introduzione sull’importanza di queste vitamine e minerali per l’organismo in età avanzata, per approfondire l’argomento continua la lettura dell’articolo!

Calcio e vitamina D: fondamentali per il tessuto osseo

Il tessuto osseo è la nostra impalcatura e al contrario di ciò che si pensa è un tessuto vivo e in costante rinnovamento. A occuparsi del processo di rimodellamento osseo sono gli osteoclasti e gli osteoblasti, che smontano le strutture del tessuto osseo invecchiate per sostituirle con delle nuove.

Per farlo, però, hanno bisogno di una quantità sufficiente di Calcio e di vitamina D, che assicura il corretto assorbimento di questo minerale.

Il fabbisogno raccomandato di Calcio giornaliero è di 1000 mg per i maschi e le donne dai 60 ai 74 anni, mentre quello di vitamina D è di 15 μg al giorno1, 1 μg di colecalciferolo equivale a 40 IU vit. D. La sigla IU sta per Unità Internazionali.

ebook osteoporosi

Ora, se il Calcio è un minerale facilmente reperibile in alimenti come il latte, i formaggi, alcuni tipi di verdura a foglia verde e nella frutta secca, per la vitamina D le cose diventano un po’ più complesse, perché si tratta di una vitamina presente negli alimenti solo in pochissime quantità.

Da qui la necessità, quando non è possibile sintetizzarla con la luce solare, di assumerla con un’integrazione specifica. La dose massima giornaliera di vitamina D ammessa in un integratore è di 2’000 IU.

È bene inoltre ricordare che nelle persone la capacità di sintetizzare vitamina D diminuisce con l’età, quindi le persone anziane sono più soggette a una sua carenza.

Molto utili per sostenere il benessere delle ossa sono gli integratori che associano vitamina D3 + K2. L’azione combinata di queste vitamine assicura che il Calcio si diriga solo dove serve davvero, ossia denti e ossa e non si depositi anche lungo i tessuti molli e le pareti dei vasi sanguigni dando luogo a dei fenomeni di calcificazione indesiderati e dannosi.

Artiglio del Diavolo e Boswellia: gli alleati in caso di fastidi articolari

Se hai passato gli “anta” da un po’ sai quanto possano diventare frequenti le percezioni di fastidi e dolori articolari e quella sensazione di intorpidimento alle mani e ai piedi che ogni sera diventa così forte da rovinare il sonno.

integratori per i fastidi articolari

Accanto alle terapie tradizionali che prevedono l’utilizzo di antinfiammatori, esistono anche dei rimedi naturali dotati lo stesso di un’efficace azione antinfiammatoria, analgesica e antireumatica2-3. L’assunzione di questi rimedi naturali nel lungo periodo è ben tollerata sia dallo stomaco, sia dall’intestino. 

Mi riferisco all’Artiglio del Diavolo, il cui principi attivi naturali sono i glucosidi iridoidi e alla Boswellia Serrata, i cui principi attivi naturali sono gli acidi boswellici.

Questi principi attivi vegetali, come evidenziato da un gran numero di studi clinici e ricerche condotte in vivo e in vitro, si sono dimostrati in grado di intervenire nei processi infiammatori4-5,  proprio come fanno molti principi attivi di sintesi presenti nei farmaci.

Grazie al loro meccanismo di azione e alle loro proprietà, il loro utilizzo può risultare utile per il benessere della colonna vertebrale, del ginocchio e delle articolazioni in genere, per le tensioni muscolari.

Per il benessere delle articolazioni diciamo quindi sì agli integratori naturali di boswellia e artiglio del diavolo.

Riso rosso e antiossidanti: la chiave per il controllo del colesterolo

Con il passare degli anni cambiano le abitudini alimentari e cambia anche la capacità dell’organismo di metabolizzare i grassi, in particolare il colesterolo e i trigliceridi presenti negli alimenti.

Anche la produzione endogena, ossia interna, del colesterolo cambia ed è per questo motivo che dopo i 50 anni diventa più frequente soffrire di un aumento dei livelli del colesterolo nel sangue.

Tra i rimedi naturali più efficaci per il controllo del colesterolo il posto d’onore è ricoperto dalla Monacoline estratte dal Riso Rosso fermentato 6-7-8.

integratori per il colesterolo

Studi clinici hanno evidenziato che le monacoline, tra cui la Monacolina K, hanno un meccanismo di azione simile a quello della lovastatina di sintesi, una nota statina, perché inibiscono l’enzima epatico HMG-CoA reduttasi, responsabile della sintesi endogena di colesterolo9.

Anche assumere antiossidanti10-11 è importante per il controllo del colesterolo e soprattutto del colesterolo LDL, conosciuto anche come colesterolo cattivo. Questo perché sono proprio le particelle di colesterolo LDL ossidate a causa dello stress ossidativo prodotto dai radicali liberi a depositarsi lungo le pareti dei vasi sanguigni e a causare la formazione delle placche aterosclerotiche, o ateroma, importante fattore di rischio cardiovascolare.

Ed è qui che entrano in gioco gli antiossidanti! Gli antiossidanti sono delle molecole in grado di contrastare lo stress ossidativo e favorire l’eliminazione dei radicali liberi prodotti in eccesso dall’organismo.

Sono antiossidanti naturali: la vitamina C, la vitamina E, il Selenio, lo Zinco, i Polifenoli e i Flavonoidi, che puoi trovare tra gli integratori antiossidanti anche sotto forma di succhi puri, biologici e naturali al 100%, perfetti anche per chi ha difficoltà a deglutire o non nutre troppa simpatia per le pillole.

Per quanto riguarda il colesterolo esogeno, ossia quello introdotto nell’organismo con l’alimentazione l’arma migliore di cui disponi per contrastarlo è fare attenzione agli alimenti che consumi ogni giorno e limitare quelli ricchi di grassi saturi. 

Omega3 e Bacopa Monnieri: un booster per le capacità cognitive e la memoria

Se da giovane ricordavi tutto, ora tenere a mente le cose è un po’ più difficile, non è vero?

Tra gli integratori per anziani quelli a base di Omega3 e Bacopa monnieri sono i più efficaci per sostenere le capacità cognitive, la memoria a breve termine e la concentrazione.

Uno studio12 condotto su 54 partecipanti di età media pari o superiore a 65 anni trattati con un estratto di Bacopa monnieri ha riscontrato, dopo 12 settimane, un miglioramento delle loro prestazioni cognitive e del tono dell’umore.

Per quanto riguarda gli Omega3, studi clinici hanno evidenziato che bassi livelli di Omega3 nell’organismo possono accelerare l’invecchiamento cerebrale e diminuire le capacità cognitive13-14, così come un’integrazione specifica di Omega3, specie da Krill perché è più facilmente assimilabile, negli anziani può contribuire a contrastare il declino cognitivo legato all’età15.

Vitamina D3, C ed E per sostenere il sistema immunitario negli anziani

Tra gli integratori per gli anziani vanno ricompresi anche quelli a base di Vitamina D3, vitamina C ed E.

integratori per le difese immunitarie

La vitamina D3, oltre a essere coinvolta nel processo di formazione ossea, è fondamentale anche per il sistema immunitario, perché è dalla presenza di adeguati livelli di questa vitamina nel sangue che dipende l’attivazione dei linfociti T, tra le prime cellule ad entrare in azione contro i patogeni esterni.

La vitamina C ed E, come abbiamo visto prima, sono due potenti antiossidanti e uno dei loro compiti è quello di proteggere le cellule immunitarie dallo stress ossidativo e aiutarle a contrastare i processi infettivi. La Vitamina C naturale si trova ad esempio nel succo puro del frutto Acerola.

Spero che questo articolo sia stato per te una valida guida per orientarti tra i numerosi integratori per anziani che esistono in commercio e se avessi dubbi o curiosità non esitare a scrivermi utilizzando i commenti.

Programma difese immunitarie Salugea

Ultimo aggiornamento il: 15/06/2022

Scritto da:

Dott.ssa Cristina Bernagozzi
Naturopata

il

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 15/06/2022

Lucidità mentale: esercizi e consigli Per sostenere la tua lucidità mentale e mantenere la tua mente giovane nel tempo, porta in palestr...
Olio di pesce per trigliceridi alti: cosa dovresti sapere Hai scoperto di avere i trigliceridi alti e ti è stato consigliato di prendere in considerazione l...
Vuoti di memoria: cause, curiosità e consigli I vuoti di memoria possono manifestarsi per diverse ragioni e a diverse età. Se sei arrivato fin ...

Tags: , ,

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Lascia un commento

NOTE E BIBLIOGRAFIA

1 https://sinu.it/2019/07/09/vitamine-fabbisogno-medio-ar

2 Siddiqui MZ. Boswellia serrata, a potential antiinflammatory agent: an overview. Indian J Pharm Sci. 2011;73(3):255-261. doi:10.4103/0250-474X.93507

3Fiebich BL, Muñoz E, Rose T, Weiss G, McGregor GP. Molecular targets of the antiinflammatory Harpagophytum procumbens (devil’s claw): inhibition of TNFα and COX-2 gene expression by preventing activation of AP-1. Phytother Res. 2012 Jun;26(6):806-11. doi: 10.1002/ptr.3636. Epub 2011 Nov 10. PMID: 22072539.

4Verhoff M, Seitz S, Paul M, Noha SM, Jauch J, Schuster D, Werz O. Tetra- and pentacyclic triterpene acids from the ancient anti-inflammatory remedy frankincense as inhibitors of microsomal prostaglandin E(2) synthase-1. J Nat Prod. 2014 Jun 27;77(6):1445-51. doi: 10.1021/np500198g. Epub 2014 May 20. PMID: 24844534; PMCID: PMC4074212.

5Wang C, Gong X, Bo A, Zhang L, Zhang M, Zang E, Zhang C, Li M. Iridoids: Research Advances in Their Phytochemistry, Biological Activities, and Pharmacokinetics. Molecules. 2020 Jan 10;25(2):287. doi: 10.3390/molecules25020287. PMID: 31936853; PMCID: PMC7024201.

6Gojkovic T, Vladimirov S, Kotur-Stevuljevic J, Bogavac-Stanojevic N, Zeljkovic A, Vekic J, Antonic T, Spasojevic-Kalimanovska V. Effects of monacolin K-containing nutraceutical on cholesterol homeostasis re-establishment and CVD risk reduction in hypercholesterolemic subjects. Eur Rev Med Pharmacol Sci. 2021 Aug;25(16):5261-5267. doi: 10.26355/eurrev_202108_26546. PMID: 34486702.

7Heinz T, Schuchardt JP, Möller K, Hadji P, Hahn A. Low daily dose of 3 mg monacolin K from RYR reduces the concentration of LDL-C in a randomized, placebo-controlled intervention. Nutr Res. 2016 Oct;36(10):1162-1170. doi: 10.1016/j.nutres.2016.07.005. Epub 2016 Jul 27. PMID: 27865358.

8Minamizuka T et al. Low dose red yeast rice with monacolin K lowers LDL cholesterol and blood pressure in Japanese with mild dyslipidemia: A multicenter, randomized trial. Asia Pac J Clin Nutr. 2021 Sep;30(3):424-435. doi: 10.6133/apjcn.202109_30(3).0009. PMID: 34587702.

9Xiong Z, Cao X, Wen Q, Chen Z, Cheng Z, Huang X, Zhang Y, Long C, Zhang Y, Huang Z. An overview of the bioactivity of monacolin K / lovastatin. Food Chem Toxicol. 2019 Sep;131:110585. doi: 10.1016/j.fct.2019.110585. Epub 2019 Jun 15. PMID: 31207306.

10Sinatra ST, DeMarco J. Free radicals, oxidative stress, oxidized low density lipoprotein (LDL), and the heart: antioxidants and other strategies to limit cardiovascular damage. Conn Med. 1995 Oct;59(10):579-88. PMID: 7587173.

11Leborgne L, Pakala R, Dilcher C, Hellinga D, Seabron R, Tio FO, Waksman R. Effect of antioxidants on atherosclerotic plaque formation in balloon-denuded and irradiated hypercholesterolemic rabbits. J Cardiovasc Pharmacol. 2005 Oct;46(4):540-7. doi: 10.1097/01.fjc.0000179436.03502.26. PMID: 16160610.

12Calabrese C, Gregory WL, Leo M, Kraemer D, Bone K, Oken B. Effects of a standardized Bacopamonnieriextract on cognitive performance, anxiety, and depression in the elderly: a randomized, double-blind, placebo-controlled trial. J AlternComplementMed. 2008 Jul;14(6):707-13. doi: 10.1089/acm.2008.0018. PMID: 18611150; PMCID: PMC3153866.

13von Schacky C. Importance of EPA and DHA Blood Levels in Brain Structure and Function. Nutrients. 2021 Mar 25;13(4):1074. doi: 10.3390/nu13041074. PMID: 33806218; PMCID: PMC8066148.

14Stavrinou PS, Andreou E, Aphamis G, Pantzaris M, Ioannou M, Patrikios IS, Giannaki CD. The Effects of a 6-Month High Dose Omega-3 and Omega-6 Polyunsaturated Fatty Acids and Antioxidant Vitamins Supplementation on Cognitive Function and Functional Capacity in Older Adults with Mild Cognitive Impairment. Nutrients. 2020 Jan 26;12(2):325. doi: 10.3390/nu12020325. PMID: 31991898; PMCID: PMC7071310.

15Mazereeuw G, Lanctôt KL, Chau SA, Swardfager W, Herrmann N. Effects of ω-3 fatty acids on cognitive performance: a meta-analysis. Neurobiol Aging. 2012 Jul;33(7):1482.e17-29. doi: 10.1016/j.neurobiolaging.2011.12.014. Epub 2012 Feb 3. PMID: 22305186.