Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Bacche di Maqui: cosa sono e come si assumono

Hai mai sentito parlare delle bacche di Maqui? Devi sapere che questo frutto, originario della Patagonia, è ritenuto essere l’alimento naturale oggi conosciuto con il massimo valore di potere antiossidante (ORAC).

Il valore ORAC (Capacità di Assorbimento dei Radicali Ossigeno) è una scala convenzionale internazionale che esprime la capacità di un alimento di bloccare e inibire l’azione dei radicali liberi, i principali responsabili dell’invecchiamento cellulare. Quindi più è alto il valore ORAC di un alimento, maggiore è la sua capacità di proteggerci dall’invecchiamento dei tessuti. Sì, hai capito bene: le bacche di Maqui sono quindi un potente agente antinvecchiamento che agisce dall’interno.

La bacca del Maqui possiede un valore ORAC di circa 3 volte superiore a quello delle più note bacche di Goji e Acai, di 5 volte rispetto al Melograno e di 7 volte verso il Mirtillo nero. Le bacche di Maqui rappresentano quindi l’alimento “anti-age” per eccellenza.

Proprio in virtù del suo notevole potere antiossidante, questo frutto è particolarmente apprezzato anche dagli atleti di tutto il mondo: il succo di Maqui rappresenta un valido integratore alimentare a sostegno della prestazione sportiva, in grado di ritardare il senso di affaticamento e favorire il recupero muscolare.

Per chi sono consigliate le bacche di Maqui

Le bacche di Maqui oltre ad essere consigliate come segreto anti-age o come super-antiossidante per gli sportivi, svolgono un ruolo molto importante nel combattere lo stress ossidativo delle nostre cellule.

Molto spesso il fumo, i farmaci, uno stile di vita sedentario, cattive abitudini alimentari o una vita condotta ad alti ritmi possono alla lunga danneggiare le nostre cellule, impattando quindi sul nostro stato di salute. Per questo motivo le bacche di Maqui sono consigliate per tutti i trattamenti di prevenzione, in quanto contribuiscono a proteggere il nostro organismo. Inoltre sono tradizionalmente usate a scopo antinfiammatorio, analgesico e febbrifugo.

La spremitura di bacche di Maqui è anche utile come energizzante naturale, per ossigenare i tessuti ed apportare benefici alle funzioni organiche.

A cosa sono dovute tutte queste proprietà? Nel Maqui troviamo significativi apporti di Vitamina C, Potassio, Magnesio e Zinco. Ma la vera ricchezza biochimica di questo frutto è rappresentata dal suo elevato e variegato contenuto in Polifenoli, molecole biologiche fondamentali per la protezione da infiammazioni e degenerazioni cellulari, per la protezione della vista, della pelle e del sistema immunitario.

Gli esclusivi polifenoli del Maqui, le Delfinidine, sostengono inoltre l’efficienza cerebrale migliorando il microcircolo sanguigno e l’ossigenazione dei tessuti, migliorano il drenaggio linfatico da scorie e tossine, aiutano la disintossicazione dell’organismo da parte del fegato, favoriscono un buon equilibrio lipidico nel sangue, migliorano il metabolismo e permettono un miglior consumo dei nutrienti, favorendo il contenimento del peso corporeo, motivo per il quale le troviamo consigliate in abbinamento alle diete controllate volte al dimagrimento.

Come assumere il Maqui

Il Maqui è un superfrutto originario della Patagonia: un’estesa area dell’America meridionale tra Argentina e Cile. In Italia lo troviamo sotto forma di integratore alimentare: particolarmente ricca di principi attivi è la spremitura pura e naturale al 100%.

Il Succo di Maqui Prima Qualità Salugea è puro al 100%, non diluito in acqua o altri succhi, ottenuto da spremitura a freddo e da un sistema di pastorizzazione innovativo che non deteriora i delicati principi nutrizionali dei frutti di origine.

E’ di origine biologica, non contiene zuccheri aggiunti o additivi, ed è notificato al Ministero della Salute in qualità di Integratore Nutrizionale: ne è sufficiente un misurino al giorno per tre mesi consecutivi per un trattamento anti-age all’avanguardia!

Uno o due cicli da tre mesi all’anno, oltre a costituire un rigenerante trattamento di bellezza che parte dall’interno, sono utili per rinforzare e proteggere l’organismo. Per gli sportivi, è consigliato assumerlo nella mezz’ora che precede la prestazione sportiva. Non esiste nulla di simile al Maqui: da provare!

Succo di Maqui Salugea

Ultimo aggiornamento il: 10/12/2018

"I veri amici
condividono tutto"

Conosci un amico che potrebbe trovare utile questo post?
Condividilo con lui!

Scritto da:

La Redazione
Naturopata

il 13/12/16 17.29

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 13/06/2018

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

Succo di noni: benefici e controindicazioni Scommettiamo che fra qualche tempo leggerai su settimanali e riviste tanti articoli sul succo di non...
Noni: mille e una proprietà Il succo di noni è un elisir di bellezza e di lunga vita. Non a caso in Polinesia, fin dall’antichit...
Mangostano: il frutto per lo stomaco e l’intestino Il frutto Mangostano diventerà il tuo migliore alleato se soffri di bruciori allo stomaco, reflusso,...
Acerola: Proprietà e Controindicazioni Alto e basso, dentro e fuori, giorno e notte…. Vi starete chiedendo cosa c’entrino questi nomi con i...