Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Colesterolo alto

La Guida Completa

Hai scoperto di avere il colesterolo alto e vuoi saperne di più? Sei nel posto giusto ;). Qui trovi tutto quello che ti può servire in tema di colesterolo e trigliceridi.

Questo è probabilmente l’articolo più completo sul colesterolo alto che troverai navigando nei mari del web. E’ troppo lungo e ora non hai tempo? Salvalo nei preferiti. Lo trovi utile e vuoi condividerlo? Puoi farlo a fine articolo e mi faresti felice. Stai cercando un argomento in particolare e non hai tempo di leggere tutto? Un po’ mi dispiace, ma ti voglio aiutare. Trova subito le risposte che cerchi in questa pagina grazie a questi collegamenti veloci:

Hai resistito dal cliccare? Bene!!! Ti accompagno in questo viaggio nel (favoloso) mondo dei grassi ematici, ovvero i grassi che corrono felici nel sangue.

Scopriamo subito cos’è il colesterolo, quali sono i suoi valori di riferimento, quali sono le cause del suo eccesso nel sangue, quali sono i rischi più frequenti e quali i rimedi che funzionano. Solo quelli che funzionano veramente: promesso!

Scopriamo anche come è possibile abbassare il colesterolo del 20% circa in tre mesi senza statine sintetiche, basandoci su uno studio clinico effettuato su una particolare combinazione di estratti vegetali.

colesterolo alto

Tante promesse: per essere mantenute, ammettiamo che questo articolo è un po’ più lungo del solito! Mettiti comodo 🙂 e resta con me, mi impegnerò a semplificare al massimo i concetti di fisiologia e raccontarti solo ciò che può essere veramente utile a te e alla tua famiglia!

→ Clicca qui per scaricare gratuitamente il Manuale del Colesterolo, un e-book dedicato ai rimedi naturali contro il colesterolo alto.

Ammettilo: la foto di apertura di questo articolo con gente felice che mangia solo insalatina ti ha fatto disperare: no, non ti preoccupare, non ti consiglieremo di mangiare solo insalatina per abbassare il colesterolo. Anzi, scopriremo che il colesterolo alto non dipende solo dall’alimentazione.

Manuale del Colesterolo

Cos’è il Colesterolo

Anche se il nome è spesso associato a problemi di salute, il colesterolo è in realtà una molecola di natura lipidica (un grasso) molto importante per il tuo organismo. A dispetto della sua cattiva fama, è di grande utilità: costituisce gran parte delle membrane cellulari e molti tipi di ormoni. Guai se non ci fosse!

Finché scorrazza felice nel sangue nella giusta quantità non è solo utile, è vitale! I problemi arrivano quando ce n’è troppo. Qual è la giusta quantità? Tra poco approfondiremo i valori del colesterolo considerati ottimali, ti anticipo che il tuo valore di colesterolo totale ottimale non dovrebbe superare i 200 mg/dl (milligrammi per decilitro di sangue).

Come si produce il colesterolo

Se ti stai chiedendo come si forma il colesterolo nell’universo e qual è il suo significato più profondo, forse non sapremo aiutarti. Se ti accontenti di sapere da dove arriva e come si produce il colesterolo nel tuo corpo, devi sapere che ben l’80% è prodotto dal tuo stesso organismo, mentre invece soltanto il 20% è introdotto con l’alimentazione.

Come si produce il colesterolo

Colpo di scena! Abbiamo appena sfatato un mito: quello che il colesterolo alto viene solo mangiando. A rigor di precisione, questa frase può essere vera: sicuramente l’alimentazione gioca un ruolo importante in questa storia, ma non è il solo fattore determinante. Abbiamo infatti detto che, per ben l’80%, il colesterolo è prodotto dal nostro stesso organismo.

Questo spiega perché alcune persone, nonostante si sforzino nel seguire imperterrite un regime alimentare super controllato, possano comunque avere problemi di colesterolo alto. Non sono sfortunate ma, indipendentemente da cosa mangiano, producono molto colesterolo da sé, per loro costituzione genetica o per altri motivi che vedremo fra poco insieme alle altre cause del colesterolo alto.

La buona notizia è che i rimedi naturali di cui ti parleremo sono efficaci anche contro il colesterolo endogeno. Endo cosa?

Colesterolo Endogeno e Colesterolo Esogeno

Quando si parla di colesterolo, c’è una prima distinzione da fare, che riguarda quanto ti abbiamo appena raccontato su come si forma il colesterolo:

  • Colesterolo Endogeno: è il colesterolo che ha origine endogena, ovvero interna (dal greco éndon: “dentro”), quindi quello prodotto dal tuo stesso organismo.
  • Colesterolo Esogeno: è il colesterolo che ha origine esogena (da cause provenienti dall’esterno), ovvero il colesterolo che assimili attraverso ciò di cui ti nutri.

Seguire attentamente una dieta controllata può influire molto sul colesterolo esogeno, ma proprio perché esiste anche quello endogeno, questa scelta può non essere sufficiente per ridurre il colesterolo alto o tenerlo sotto controllo. Per questi casi, ci sono dei rimedi (anche naturali) efficaci che scopriremo fra qualche riga.

Come si misura il colesterolo

Come puoi conoscere il tuo valore del colesterolo? Con una semplice analisi del sangue, che puoi richiedere al tuo medico di base. Oltre al valore del Colesterolo totale, nelle tue analisi incontrerai anche altre voci e altri tipi di colesterolo.

C’è molta differenza tra un tipo di colesterolo ed un altro. Chi sono i buoni e chi sono i cattivi di questa storia? Qui te li presentiamo uno ad uno, in modo che tu possa riconoscerli facilmente.

Guida ai valori ottimali di colesterolo

Tipi di Colesterolo: Totale, LDL e HDL

I grassi che introduci nel tuo corpo con gli alimenti sono scomposti a livello digestivo, nell’intestino, in colesterolo e trigliceridi (grassi ematici). Questi composti sono quindi inglobati in lipoproteine, che potresti immaginare come autobus che li trasportano alle cellule adipose attraverso le strade (vene e arterie) del flusso ematico (il sangue).

In base al tipo di lipoproteine che vengono a formarsi, abbiamo quindi un’altra importante distinzione fra:

  • Colesterolo VLDL (a bassissima densità)
  • Colesterolo LDL (a bassa densità)
  • Colesterolo HDL (ad alta densità)

Che differenza c’è? Quali devi monitorare? Prendi le tue analisi del sangue e leggi qui sotto, per scoprire un po’ di più su questi tipi dall’aria sospetta.

Il Colesterolo LDL

Il Colesterolo LDL è anche definito “cattivo” perché ha la tendenza ad accumularsi, ad ossidarsi e a formare dei blocchi, chiamati “placche aterosclerotiche”, che si attaccano alle pareti delle arterie, ostacolando il normale flusso del sangue.

Un eccesso di questo cattivone nel sangue è quindi pericoloso per la salute: è considerato un fattore di rischio per malattia coronarica, che può portare ad attacchi di cuore o ictus.

Il Colesterolo VLDL

Il Colesterolo VLDL è un altro tipo di colesterolo impegnato principalmente nel trasporto dei trigliceridi. Può anche favorire l’accumularsi del colesterolo sulle pareti delle arterie, ecco perché è considerato il cattivo braccio destro del boss LDL.

Il Colesterolo HDL

Il Colesterolo HDL è anche definito “colesterolo buono”, perché particolarmente utile per il tuo organismo. Come un buon poliziotto, ripulisce le strade (le tue arterie) dai delinquenti (LDL e VLDL). Al contrario dell’LDL, non tende ad accumularsi creando blocchi, ma anzi protegge la salute del tuo sistema cardiovascolare.

Proprio come il rapporto tra poliziotti e criminali è fondamentale per la qualità di vita in una grande città, anche il rapporto tra HDL e LDL è un indice molto importante dello stato di salute di quella grande e complessa metropoli che è il nostro organismo.

Viva l’HDL che tiene in ordine le strade! La domanda sorge ora spontanea: come possiamo avere più poliziotti in circolo?! Ci sono diversi modi per aumentare i livelli di HDL nel corpo, se seguiti tutti si traducono in uno stile di vita sano. Possiamo riassumerli in tre punti:

  • corretto peso forma
  • regolare attività fisica
  • consumo di alimenti ricchi di “grassi buoni

Quali sono i grassi buoni? Ne sono un ottimo esempio gli Omega 3 e l’acido laurico (pazienta ancora un po’, ne parleremo meglio nella sezione dedicata ai consigli alimentari).

Il Colesterolo Totale

Il Colesterolo Totale è dato dalla somma complessiva del colesterolo HDL, LDL e VLDL, e lo trovi indicato nelle tue analisi del sangue. Quando si parla di valore del colesterolo, di solito si fa riferimento proprio a questo. Il suo valore ottimale, come ti abbiamo anticipato, è inferiore ai 200 mg/dl.

Quando il tuo colesterolo totale è superiore a 200 mg/dl si parla di “ipercolesterolemia”, ovvero eccesso di colesterolo nel sangue. Non ti allarmare e al contempo non lo trascurare. Valuta con il tuo medico quale strada intraprendere, e scopri in anteprima tutte le alternative che hai (anche quelle più innovative) in questo articolo!

I Trigliceridi

Non dobbiamo dimenticare i trigliceridi che, come fratello colesterolo, sono un grasso ematico. I trigliceridi sono infatti vere e proprie riserve di grassi presenti nel sangue. Quando i trigliceridi sono troppo alti, spesso le cause sono legate a pessime abitudini alimentari e ad un stile di vita poco sano.

Un eccesso di trigliceridi può provocare gravi danni alla salute, è infatti alla base delle malattie e dei disturbi cardiocircolatori.

I valori di riferimento di Colesterolo e Trigliceridi

Ora che conosci più da vicino tutti i principali tipi di colesterolo e i trigliceridi, vediamo quali sono i loro valori di riferimento per essere considerati ottimali e nella norma:

COLESTEROLO: LIVELLI LIPIDICI OTTIMALI

Colesterolo Totale

Minore di 200 mg/dl

Colesterolo LDL

Minore di 100 mg/dl

Colesterolo HDL

Maggiore di 60 mg/dl

Trigliceridi

Minore di 150 mg/dl

Cos’è l’Indice di Rischio Cardiovascolare

C’è un altro valore che devi assolutamente tenere monitorato: è l’Indice di Rischio Cardiovascolare (di nome e di fatto). Come dice la parola stessa, è un valore di riferimento importante per capire quanto sei in salute, e in particolare quanto lo è il tuo sistema cardiocircolatorio.

Se è troppo alto (superiore a 5 nell’uomo e superiore a 4,5 nella donna), questo numerino ci dice che siamo vicini all’incorrere in patologie cardiovascolari, e bisogna correre ai ripari.

Come si calcola? Calcolatrice e analisi del sangue alla mano, l’Indice di Rischio Cardiovascolare è il rapporto tra il Colesterolo Totale e il Colesterolo HDL.

INDICE DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE = COLESTEROLO TOTALE / HDL

Quali sono le cause del colesterolo alto

Ma perché ho il colesterolo alto? Le cause possono essere molte. Quando abbiamo parlato di colesterolo endogeno e colesterolo esogeno avrai intuito che alimentazione e genetica giocano un ruolo importante. Ecco tutte le più comuni cause del colesterolo alto:

  • Alimentazione scorretta
  • Sovrappeso
  • Sedentarietà
  • Cattive abitudini (fumo, alcool…)
  • Predisposizione (cause genetiche, pressione alta)
  • Menopausa (trovi qui un approfondimento su colesterolo e menopausa)
  • Età anagrafica (con l’avanzare dell’età si tende ad avere più alti livelli di colesterolo)
  • Stress e ansia

Quali sono i rischi del colesterolo alto

Quando il valore del colesterolo è troppo alto, i rischi più alti sono corsi dal tuo sistema cardiocircolatorio. Il pericolo è quindi quello di incorrere in patologie cardiovascolari e coronariche, che possono portare a infarti e ictus.

Quando il colesterolo si accumula eccessivamente nelle tue arterie forma le placche aterosclerotiche, degli ammassi che ostacolano il normale flusso di sangue. Quando queste placche si ingradiscono e lo ostacolano eccessivamente, possono arrivare a bloccarlo: è quello il momento in cui scatta l’ictus.

Come recita il saggio, prevenire è meglio che curare: proteggi il tuo cuore e le tue arterie!

Quali sono i rimedi per il colesterolo alto

Puoi fare molto per tenere sotto controllo il tuo valore del colesterolo. Qui i primi 5 consigli e rimedi naturali per tenerlo a bada o abbassarlo:

  • Alimentazione: evita o limita il consumo di cibi spazzatura, preconfezionati o ricchi di grassi saturi (in primis salumi e carne rossa, latticini e fritti), porta in tavola tanti ortaggi e pesce azzurro.
  • Idratazione: bevi acqua frequentemente, lontano dai pasti, a temperatura tiepida o ambiente: è la migliore tecnica di depurazione del mondo!
  • Movimento: dedica del tempo allo sport e all’attività fisica; se proprio non è il tuo campo, cammina a passo svelto almeno 30 minuti al giorno.
  • Estratti vegetali: ci sono delle piante che sono molto utili nell’abbassare il colesterolo in eccesso, come il crespino e il cardo mariano; tra poco ti parleremo di un complesso vegetale, clinicamente testato, che riesce ad abbassarlo naturalmente del 20% circa in soli tre mesi…
  • Depurazione: oltre a bere molto, puoi depurarti con alimenti e tisane disintossicanti. Ti consigliamo di seguire un programma di depurazione almeno due volte all’anno, ai cambi di stagione (ad esempio a inizio primavera e in tarda estate)

Le Statine sintetiche

Quando i livelli di colesterolo sono troppo alti, il medico prescrive abitualmente le statine, dei farmaci prodotti in laboratorio ampiamente diffusi, e realmente efficaci, che abbassano il colesterolo inibendone la produzione nel fegato.

Questi farmaci presentano frequenti e importanti effetti collaterali, come dolori muscolari e intossicazioni del fegato.

Le Statine naturali e il riso rosso fermentato

riso rosso contro il colesterolo alto

Le statine sintetiche (prodotte in laboratorio) non sono l’unico modo per abbassare efficacemente il colesterolo: esistono anche le statine naturali, di origine vegetale.

Dalla fermentazione del comune riso da cucina con un particolare lievito (monascus purpureus) è infatti possibile ottenere un composto (il riso rosso fermentato) che contiene una statina vegetale, la Monacolina K.

Studi scientifici hanno dimostrato che l’assunzione di 10 mg al giorno di Monacolina K da riso rosso fermentato è effettivamente efficace per la riduzione del colesterolo (vedi deliberazione dell’EFSA), ed in particolare per la riduzione di quello cattivo (LDL) .

Ma è un’ottima notizia!!!

Anche il riso rosso fermentato ha controindicazioni? Può averne come tutti gli estratti vegetali (si può essere allergici anche ad una pesca), ma l’incidenza rilevata, rispetto a quella delle statine sintetiche, non è paragonabile! Il suo consumo è stato dichiarato sicuro e approvato dal Ministero della Salute e dall’Ente Europeo per la Sicurezza degli Alimenti negli integratori alimentari.

Ora che lo sai, non ti fiondare in farmacia ad acquistare il primo integratore alimentare a base di riso rosso fermentato che trovi, leggi prima questo articolo fino in fondo. Se proprio non resisti, fiondati a chiedere in farmacia il prodotto Liposan Forte di Salugea, oppure ordinalo on-line.

Perché? Perché il riso rosso fermentato, da solo, non è efficace quanto in sinergia con altre piante. E’ stata individuata una formulazione 100% naturale che è in grado di darti un risultato decisamente migliore: te ne parliamo qui sotto.

Come abbassare il colesterolo alto senza farmaci in tre mesi [studio clinico]

Lo conferma uno studio clinico (Capriotti f. Censani s. – Piante Medicinali vol. 15(4) 2016 ed.SIFIT): Liposan Forte è in grado di ridurre colesterolo totale, colesterolo LDL e trigliceridi del 20% circa in soli tre mesi. Il segreto della sua efficacia è la sinergia vincente che si crea tra questi estratti vegetali 100% naturali: Riso Rosso fermentato, Crespino, Cardo Mariano e Rosmarino.

Liposan Forte è attivo nell’abbassamento del colesterolo esogeno, di quello endogeno e dei trigliceridi, migliora quindi l’Indice di rischio cardiovascolare complessivo della persona: è lui il supereroe di questa storia.

La sua formulazione esclusiva agisce sul riequilibrio e l’ottimizzazione della funzionalità del fegato, sulla detossicazione del sangue e sul sostegno antiossidante, così importante per la riduzione del rischio aterosclerotico.

Dettagli non di poco conto, Liposan Forte funziona anche perché contiene estratti vegetali in forma di estratti secchi titolati: solo in questo modo hai garanzia della presenza certa, quantificata e costante dei principi attivi contenuti nelle piante. E’ in capsule vegetali (non da fonte animale) e conservato in falconi di vetro scuro di grado farmaceutico (mai in plastica!) con sigillo di sicurezza riutilizzabile sotto il tappo: sono solo questi gli accorgimenti che possono garantire l’efficacia della formulazione nel tempo, anche dopo l’apertura.

Ti è venuto in mente che hai quel cassetto della dispensa pieno di integratori a base di piante polverizzate (non estratti secchi titolati) conservate in plastica? E’ ora di fare pulizia (e scelte qualitative superiori)! No vetro farmaceutico? Ahi ahi ahi.. ecco perché quei prodotti funzionano poco, se non per nulla!

Torniamo al nostro studio clinico. Nella sperimentazione effettuata su Liposan Forte, i pazienti coinvolti avevano in comune un livello di Colesterolo Totale alto (livello medio: 269 mg/dl) ed almeno un altro fattore di rischio cardio-vascolare. Hanno assunto 2 capsule al giorno di Liposan Forte Salugea (1 alla fine del pranzo ed 1 subito dopo la cena) per tre mesi consecutivi, facendo una sosta di 5 giorni tra un flacone e l’altro (ovvero tra un mese e l’atro), senza variare nel frattempo le loro abitudini alimentari o il loro stile di vita.

Ecco i risultati ottenuti dopo soli tre mesi:

Risultati studio clinico liposan forte

Puoi scaricare qui la preview dello studio clinico: se stai già assumendo farmaci per il controllo del colesterolo, non puoi prendere ANCHE le statine vegetali o il Liposan Forte, ma ti consigliamo di chiedere al tuo medico di valutare il passaggio dal farmaco a Liposan Forte e monitorare i risultati con lui ogni tre mesi.

Se il medico necessita di visionare lo studio clinico o la scheda tecnica di questo integratore alimentare 100% naturale, chiedili a Salugea (casa produttrice con naturopati e biologi al tuo servizio per consulenze telefoniche).

Consigli alimentari: indovina cosa porto in tavola

Anche se le persone coinvolte nello studio clinico di cui ti abbiamo appena parlato hanno ottenuti ottimi risultati solo prendendo Liposan Forte e senza variare in alcun modo le proprie abitudini alimentari, se soffri di colesterolo e trigliceridi alti ti consigliamo di seguire una dieta sana e variegata e di svolgere un’attività fisica adeguata e costante.

Porta in tavola verdura e frutta di stagione, legumi, cereali integrali e pesce. Cerca di evitare carni rosse, farine raffinate e latticini. Stai lontano da fritti, salumi, cibi precotti e preconfezionati ricchi di conservanti e additivi.

Omega 3 e Acido Laurico: suggerimenti per sconfiggere il colesterolo alto

Quando abbiamo accennato a qualche segreto per aumentare il tuo valore di colesterolo buono HDL, per migliorare il tuo indice di rischio cardiovascolare, abbiamo citato due grassi buoni con cui arricchire la tua dieta:

  • Gli Omega 3 (acidi grassi essenziali)
  • L’acido laurico

Alimenti ricchi di Omega 3 (EPA e DHA) sono il pesce azzurro (sgombri, acciughe, aringhe, sardine etc.), i crostacei (in particolare l’olio di krill ne contiene una forma altamente biodisponibile e quindi facilmente assimilabile) e la frutta secca (se però sei sovrappeso consumala con moderazione perché è molto calorica).

L’assunzione regolare di un buon integratore di olio di krill, come Omega 3 Krill Oil di Salugea (da krill antartico puro e incontaminato, conservato in vetro scuro farmaceutico) può quindi fare la differenza.

L’acido laurico è invece contenuto nell’olio di cocco, una valida alternativa in cucina al comune burro. Sostiene meglio le alte temperature in cottura, e per tale motivo può sostenere la salute in cucina!

L’acido laurico sembra infatti avere anche proprietà antimicrobiche e antivirali, e soprattutto appare in grado di migliorare il livello di HDL nel sangue! Ne è ricco anche l’olio di palmisti (da non confondere con l’olio di palma) che si ottiene da semi (sesamo, lino etc.).

TORNA SU ↑

Ultimo aggiornamento il: 11/04/2019

"I veri amici
condividono tutto"

Conosci un amico che potrebbe trovare utile questo post?
Condividilo con lui!

FONTI SCIENTIFICHE

Front Biosci (Landmark Ed). 2014 Jan 1;19:416-28. Physiological and pathological implications of cholesterol.. Cortes VA, Busso D, Maiz A, Arteaga A, Nervi F, Rigotti A.

Lipids. 2016 May;51(5):519-36. doi: 10.1007/s11745-015-4096-7. Epub 2015 Nov 30. Revisiting Human Cholesterol Synthesis and Absorption: The Reciprocity Paradigm and its Key Regulators.. Alphonse PA, Jones PJ.

Epicentro.iss.it – Il portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica Colesterolo e Ipercolesterolemia..

Atheroscler Suppl. 2015 May;18:109-11. doi: 10.1016/j.atherosclerosissup.2015.02.020. Increasing HDL-cholesterol and prevention of atherosclerosis: A critical perspective.. Parhofer KG.

Ministero della Salute. Linee guida per la prevenzione dell’aterosclerosi (PDF).

Il Progetto Cuore. Calcolo del punteggio individuale..

J Biol Regul Homeost Agents. 2017 Apr-Jun;31(2):495-502. Bioimpedance analysis, metabolic effects and safety of the association Berberis aristata/Bilybum marianum: a 52-week double-blind, placebo-controlled study in obese patients with type 2 diabetes.. Guarino G, Strollo F, Carbone L, Della Corte T, Letizia M, Marino G, Gentile S.

Food Funct. 2018 Jul 17;9(7):3845-3852. doi: 10.1039/c8fo00415c. The short-term supplementation of monacolin K improves the lipid and metabolic patterns of hypertensive and hypercholesterolemic subjects at low cardiovascular risk.. Mazza A, Schiavon L, Rigatelli G, Torin G, Montanaro F, Lenti S.

Arch Med Sci. 2016 Jun 1;12(3):507-12. doi: 10.5114/aoms.2016.59923. Epub 2016 May 18. Lipid-lowering and anti-inflammatory effects of omega 3 ethyl esters and krill oil: a randomized, cross-over, clinical trial.. Cicero AF, Rosticci M, Morbini M, Cagnati M, Grandi E, Parini A, Borghi C.

Plant Foods Hum Nutr. 2016 Dec;71(4):410-415. In Silico and Wet Lab Studies Reveal the Cholesterol Lowering Efficacy of Lauric Acid, a Medium Chain Fat of Coconut Oil.. Lekshmi Sheela D, Nazeem PA, Narayanankutty A, Manalil JJ, Raghavamenon AC.

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo!

Scritto da:

Dott.ssa Federica De Santi
Naturopata

il 21/06/18 15.26

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 13/11/2018

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Facciamo due chiacchere?

  • Avatar

    marino

    |

    la prima lettura è stata molto interessante;a tempo debito un’altra lettura
    verrà da me fatta in modo più approfondito.Comunque grazie

    Rispondi a marino

Lascia un commento

Trigliceridi alti cosa fare per abbassarli subito Se hai i trigliceridi alti e vuoi sapere cosa puoi fare per abbassarli naturalmente sei nel posto gi...
Trigliceridi valori ottimali: tabella di riferimento Si parla sempre di colesterolo alto e ormai quasi tutti sanno quali sono i valori che indicano se la...
Rapporto colesterolo totale e HDL: l’indice di rischio cardiovascolare Il rapporto colesterolo totale e HDL serve per determinare l'indice di rischio cardiovascolare. Lo s...
Trigliceridi alti: 4 cause non alimentari Ogni volta che ripeti le analisi del sangue il valore dei trigliceridi è sempre più alto della norma...
Stress e colesterolo Vivere sotto tensione aumenta i valori del colesterolo e il rischio cardiovascolare È vero, a confe...
La statina naturale del riso rosso fermentato: la Monacolina K In principio, per curare il colesterolo alto c'erano solo le statine. Atorvastatina, cerivastatina, ...
eBook Gratuito
Manuale del Colesterolo

Vuoi riceverlo gratuitamente nella tua casella e-mail?

  • Il Colesterolo buono e cattivo
  • Le tecniche più efficaci per ridurre il colesterolo in eccesso
  • Quali alimenti portare in tavola
  • Quali sono le piante e i rimedi naturali consigliati
  • Qual’è la combinazione di estratti vegetali in grado di ridurlo del 20% circa in soli 3 mesi!
A quale indirizzo mail vuoi riceverlo?

Inserisci l'indirizzo mail al quale vuole ricevere gratuitamente l'eBook e le ultime novità dal Mondo dei Rimedi Naturali Salugea!

Fatto!
Controlla subito la tua casella di posta!