Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Alimenti energizzanti naturali: quali sono e come assumerli

Da qualche settimana la stanchezza non vuole proprio abbondonarti.
La mattina fai fatica ad alzarti e durante il giorno non riesci a carburare senza aver prima bevuto due o tre tazze di caffè. E se invece di riempire l’organismo di caffè, che a lungo andare può creare non pochi fastidi, provassi a integrare nella tua alimentazione degli alimenti energizzanti naturali?
Ecco quali sono i migliori e come puoi assumerli per ottenere il massimo dei benefici e lasciarti finalmente alle spalle quella terribile sensazione di stanchezza!

Iniziamo con:

  • la frutta secca e i semi oleosi: fonte preziosa di vitamine, acidi grassi essenziali e di sali minerali, sono utili per donare all’organismo tutta l’energia di cui ha bisogno per superare i momenti di stanchezza che si presentano all’improvviso durante la giornata
  • le banane: ricche di potassio, di magnesio, di manganese, di vitamina C, delle vitamine del gruppo B e di antiossidanti come le catechine, sono utili specialmente per contrastare la stanchezza muscolare e lo stress ossidativo
  • le bacche di Goji: piccole e così potenti da meritare il titolo di “superfood”, sono note sin dall’antichità per le loro proprietà positive per l’organismo. Ogni bacca di Goji, infatti, è un concentrato di sali minerali, polisaccaridi, vitamine, ferro e antiossidanti
  • la Spirulina: fonte preziosa di proteine di alto valore biologico, di amminoacidi essenziali, di vitamine, di acidi grassi polinsaturi e di sali minerali, è un alimento perfetto da integrare nel caso di diete ipocaloriche, o non molto bilanciate, o come complemento alimentare in caso di attività sportiva molto intensa per ridurre sia l’affaticamento, sia i tempi di recupero muscolare
  • il Ginseng: considerato nell’antichità come il rimedio a tutti i mali, il suo nome deriva dalla fusione delle parole Pan tutto e akeia cura, ha proprietà toniche, energizzanti e adattogene. Il suo uso è indicato in particolare nei periodi di forte esaurimento fisico e mentale dovuto allo stress
  • la Pappa reale: utilizzata dalle api per nutrire la loro regina e i suoi “piccoli”, è un alimento ricchissimo di vitamine del gruppo B e di oligoelementi, che supportano l’organismo durante i momenti di forte astenia e migliorano la capacità di concentrazione e di memoria

So quello che pensi sai! Scommetto che quando hai letto l’elenco di questi alimenti energizzanti hai pensato: Ok le banane e la frutta secca le trovo al supermercato, ma la Spirulina, il Ginseng e la pappa reale? E soprattutto… quanto mi costa uscire dalla stanchezza? Quasi quasi me la tengo!

Ma noooo! Trovi questi tre potentissimi energizzanti naturali nella formula 100% di Energea+ Salugea, l’innovativo integratore formulato e studiato per supportare l’organismo in tutti i momenti di stress e in quelli dove è richiesto un maggior dispendio di energie.

Ciò che differenzia Energea+ Salugea da altri tonici ed energizzanti è che non contiene sostanze nervine come tè, caffè, guaranà o matè.
Per questo motivo ha la capacità di donare all’organismo energia senza consumarla, come avviene, invece, con la caffeina o altre sostanze eccitanti, che possono incidere in modo negativo sul sistema nervoso e creare fastidi come battito cardiaco accelerato, difficoltà a dormire la notte, etc.

Se hai piacere puoi leggere la sua scheda, ti aspetto, ma dopo torna a leggere l’articolo per scoprire come assumere gli alimenti energizzanti naturali di cui ti ho appena parlato.

energizzante naturale

La frutta secca e i semi oleosi

La frutta secca e i semi oleosi sono fonti preziose di vitamine, sali minerali e acidi grassi essenziali. Dato che sono anche piuttosto calorici, il consiglio è quello di non eccedere con il loro consumo e di assumerli come se fossero degli spezzafame nel caso della frutta secca e per guarnire insalate, o aggiunti nello yogurt nel caso dei semi oleosi.

Ad esempio, a metà mattina, per placare il languorino di metà giornata puoi mangiare sei mandorle, o sei noci, mentre per colazione puoi consumare uno yogurt bianco greco con chips di cocco e un cucchiaio di semi di lino precedentemente schiacciati.

Le banane

Le banane sono un’ottima fonte di sali minerali, di antiossidanti, di fibre, di carboidrati e di zuccheri semplici facilmente assimilabili. Ecco perché forniscono all’organismo una buona dose di energia pronta all’uso.

Dato che le banane hanno anche un indice glicemico piuttosto elevato, il consiglio è comunque quello di non eccedere con il loro consumo. L’indice glicemico è la capacità di un alimento di alzare i livelli di glicemia nel sangue dopo la sua ingestione.

Forse può esserti di aiutare sapere che il momento migliore per consumare la frutta è durante la mattina, meglio se a colazione e mai la sera o dopo i pasti principali, per non rendere troppo laborioso il processo di digestione e andare incontro a scomode “fermentazioni intestinali”.

Le bacche di Goji

Piccole, di color rosso vibrante e dolci di natura, le bacche di Goji sono uno dei frutti più antichi del nostro pianeta. Pensa che secondo quanto tramandano i testi, le bacche di Goji hanno fatto la loro comparsa nel consumo umano ben più di 2000 anni fa.

Uno dei primi a parlare delle bacche di Goji e dei loro benefici fu l’imperatore cinese Shennong, che si narra visse intorno al II secolo a. C., nel libro Shénnóng Bencao Jing[1].

Ogni bacca di Goji è infatti un concentrato di sali minerali, vitamine, polisaccaridi, antiossidanti e ferro.

Dalla presenza di polisaccaridi e antiossidanti derivano le principali proprietà delle bacche di Goji, tra cui spiccano quelle energizzanti [2].

Il modo migliore di consumare le bacche di Goji è scegliere quelle essiccate, ma attenzione, perché non tutte le bacche di Goji sono uguali!  In commercio ne esistono diversi tipi e quelle davvero di qualità sono le “Lycium Barbarum L.”, una caratteristica che trovi indicata nell’etichetta. (scopri la bacche di Goji Salugea)

Una volta che hai acquistato le bacche di Goji, prima di consumarle reidratale per qualche ora in un po’ d’acqua o in un succo puro, come quello di Acerola o di Maqui ad esempio e poi puoi unirle all’insalata, allo yogurt, o inseriscile nell’impasto di dolci e pancake per renderli ancora più gustosi!

La Spirulina

La Spirulina è un alimento davvero completo. La sua ricchezza di nutrienti e di proteine dall’alto valore biologico ne fanno l’alimento perfetto da consumare in caso di diete ipocaloriche, di forte stress psicofisico, di allenamenti intensi, o per colmare carenze alimentari, dovute a un’alimentazione non equilibrata, o al consumo di alimenti poveri di principi nutritivi.

La Spirulina può essere assunta sia da sola, sia in associazione con altri alimenti energizzanti come trovi in Energea+ Salugea, per potenziare i suoi benefici.

Il Ginseng

Originario della Cina e della Corea, il Ginseng è da sempre conosciuto e utilizzato per e sue proprietà toniche, rinvigorenti e adattogene.

Adattogeno significa, che la pianta riesce a sostenere e a migliorare la capacità di adattamento dell’organismo ai fattori di stress (stressor) e quindi a gestirli e a sopportarli meglio.

La parte della pianta dotata di tale azione è la radice, ed è quella che va consumata sotto forma di estratto secco titolato in ginsenosidi, come trovi in Energea+ Salugea.

La Pappa reale

La Pappa reale è uno dei prodotti più preziosi delle Api e costituisce il nutrimento niente di meno che dell’Ape regina.

Data la sua alta concentrazione di vitamine del gruppo B, di sali minerali e di oligoelementi possiamo paragonare la pappa reale a un eccellente tonico e ricostituente naturale, perfetto sia per gli adulti, sia per i bambini, per contrastare i periodi di forte affaticamento o di debilitazione fisica.

Se si desidera consumarla da sola, il consiglio è quello di comprare quella fresca da conservare in frigo.

Bene, spero che quest’articolo dedicato agli alimenti energizzanti naturali ti sia piaciuto e per iniziare da domani stesso le tue giornate all’insega dell’energia e della vitalità ti propongo questa colazione a base di: una fetta di pane integrale leggermente tostata, dello yogurt greco naturale da spalmare sopra la tua fetta di pane e un cucchiaino di bacche di Goji per guarnirla. E per accompagnare il tutto una bella tazza di tè bianco fumante.

Ci vediamo al prossimo articolo!

energizzante naturale Salugea+

Ultimo aggiornamento il: 23/07/2021

Scritto da:

Miriana Fabbri
Biologa

il

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 23/07/2021

Qual è il miglior tonico adattogeno naturale Per la stanchezza hai davvero provato di tutto: andare a letto prima la sera, fare sport, cambiare...
Panax Ginseng: proprietà, usi e controindicazioni Vuoi conoscere le principali proprietà, gli usi e le controindicazioni del Panax Ginseng? Ottimo, se...
Shilajit: proprietà e controindicazioni Lo Shilajit (o Mumijo) è una biomassa minerale, formata da strati sovrapposti di antiche piante pres...

Tags: , ,

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Facciamo due chiacchere?

  • Avatar

    Roberto

    |

    Mi servono dei prodotti efficaci per contrastare il decorso della patologia demielinizzante del S.N.C. cronica che mi provoca astenia (spossatezza), parestesie e disestesie generalizzate, soprattutto dopo sforzo (anche leggero). A volte assumo boswelia serrata, A.alfalipoico , acetilcarnitina, magnesio supremo. Accetto consigli su antiinfiammatori efficaci e prodotti testati ma naturali. Grazie. R.M.

    Rispondi a Roberto

    • Avatar

      Dott.ssa Federica De Santi

      |

      Buongiorno Roberto,

      ti ringraziamo per aver condiviso con noi una parte della tua storia.
      In questo caso ti consigliamo di parlare direttamente con il tuo medico curante o degli specialisti che ti possa seguire da vicino.

      Sempre a tua disposizione,
      Team Salugea

      Rispondi a Dott.ssa Federica De Santi

Lascia un commento

NOTE E BIBLIOGRAFIA

1Bucheli P, Gao Q, Redgwell R, et al. Biomolecular and Clinical Aspects of Chinese Wolfberry. In: Benzie IFF, Wachtel-Galor S, editors. Herbal Medicine: Biomolecular and Clinical Aspects. 2nd edition. Boca Raton (FL): CRC Press/Taylor & Francis; 2011. Chapter 14. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK92756

2Ni W, Gao T, Wang H, Du Y, Li J, Li C, Wei L, Bi H. Anti-fatigue activity of polysaccharides from the fruits of four Tibetan plateau indigenous medicinal plants. J Ethnopharmacol. 2013 Nov 25;150(2):529-35. doi: 10.1016/j.jep.2013.08.055. Epub 2013 Sep 13. PMID: 24036063.