Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Integratori alimentari ed effetti collaterali

Ok, è l’inizio di una nuova giornata, caffè, colazione, una lettura veloce alle notizie del giorno e un giro di ricognizione sui social per controllare se ci sono novità. Mi soffermo su Instagram e nella barra delle stories ecco spuntare il video di un noto influencer che, in tenuta sportiva e con un fisico da far invidia a una statua greca, è pronto a promuovere l’ennesima linea di integratori per perdere peso e potenziare fino all’inverosimile. Sì, gli integratori di qualità possono essere efficaci quando scelti e assunti bene e in questo articolo ti daremo molti consigli importanti. Purtroppo, però, possono provocare effetti collaterali quando:

  • vengono assunti in modo non appropriato o senza attenersi alle indicazioni riportate sulla confezione, fornite dal medico, dal farmacista o erborista;
  • l’etichetta del prodotto non riporta in modo dettagliato e completo la lista degli ingredienti presenti nel prodotto e la tabella degli apporti giornalieri, per cui non si ha la conoscenza reale di cosa si sta assumendo;
  • è un prodotto di produzione estera, non notificato al Ministero della Salute italiano: nella formulazione può essere presente una quantità di attivi, vitamine e di minerali di gran lunga superiore alla dose giornaliera raccomandata in Italia e UE;
  • siamo allergici ad un componente, ma non lo sapevamo;
  • vengono assunti in contemporanea a una terapia farmacologica senza aver prima sentito il parere del medico. Si parla in quest’ultimo caso di effetti collaterali da interazione, dovuti al potenziamento o alla riduzione della molecola farmacologicamente attiva presente nel farmaco principale.

possibili effetti collaterali degli integratori

In quest’articolo ti daremo informazioni su integratori alimentari ed effetti collaterali. Troverai qualche utile consiglio per fare un corretto uso degli integratori e ti diremo quali sono gli elementi da tenere in considerazione prima di comprare un integratore alimentare. Nello specifico scoprirai:

E se l’argomento è di tuo particolare interesse prima di chiudere il telefono o il pc non dimenticare di scaricare il nostro e-book gratuito intitolato “Come riconoscere un integratore di qualità in 7 passi”. La quantità e la qualità delle informazioni che troverai al suo interno ti sorprenderà!

Scarica l’eBook gratuito: Come riconoscere un integratore di qualità in 7 passi

Qualche esempio di integratori a cui fare attenzione e perché

Ti faccio qualche esempio che potrebbe esserti utile la prossima volta che decidi di acquistare un integratore alimentare. Complice la situazione di emergenza che stiamo vivendo è cresciuto l’interesse per gli integratori per il sostegno del sistema immunitario e in particolare per la vitamina D, una vitamina a noi molto cara e di cui abbiamo parlato ampiamente qui.

Sai quanto dovrebbe essere il dosaggio massimo di vitamina D per un integratore? Attualmente, le normative sanitarie prevedono come massima integrazione alimentare un dosaggio di vitamina D pari a 2000 UI al giorno. Al di sopra di tale dosaggio, si passa a quelle conosciute come megadosi di vitamina D e che rientrano nel campo medico e farmacologico.

Sul web, invece, è facile trovare integratori di vitamina D con dosaggi giornalieri di gran lunga superiori a quelli previsti dalla normativa, pari a 8000 UI, o addirittura 10000 UI per compressa o tavoletta e tutti ovviamente vegan, come se vegan fosse sinonimi di innocuità e sicurezza.

Dobbiamo inoltre ricordare che il dosaggio vitamina D normalmente consigliato in caso di carenza è di 2000 UI al giorno, mentre la dose di mantenimento consigliata è di 1000 UI al giorno. Assumere dosaggi elevati di vitamina D, specie nel lungo periodo, può aumentare i livelli del calcio nel sangue e provocare effetti indesiderati come nausea, orticaria, dolori addominali, debolezza, sete eccessiva e confusione mentale1. Ecco perché è importante sentire il parere del medico prima di optare per un dosaggio maggiore.

Se è tanto che non fai le analisi del sangue potresti inserire il dosaggio della vitamina D tra i prossimi controlli da fare e in base ai valori ottenuti concordare con il tuo medico il dosaggio più adatto a soddisfare le tue esigenze.

Molti integratori per il controllo del peso, invece, all’interno delle loro formulazioni hanno principi attivi che, anche se di origine naturale perché presenti nel caffè, nel guaranà, nel matè e nelle alghe, possono provocare con il loro utilizzo prolungato diversi fastidi all’organismo, tra cui: tachicardia, insonnia, palpitazioni, stipsi, diarrea e interferire con il corretto funzionamento della tiroide che, per chi non lo sapesse, è la ghiandola che governa il nostro metabolismo.

In più, nella maggior parte dei casi, i vantaggi e i risultati vantati e decantati dall’integratore (o influencer) in questione, non sono supportati da nessuna evidenza scientifica.

Sono brevetti naturali di cui l’efficacia è stata evidenziata clinicamente SATIEREAL®2,3, DERMOGRANATE®e SelectSIEVE® Rainbow, presenti nella formulazione di Dimasal Salugea, un integratore di nuova generazione privo di sostanze irritanti per l’intestino, tonici nervini e iodio, formulato e studiato per promuovere l’equilibrio corporeo.

Cosa deve contenere l’etichetta di un integratore

Quando compri un integratore hai la possibilità di sapere di più sulla sua storia, meccanismo di azione, consigli di assunzione e quantità di principio attivo presente, leggendo l’etichetta su cui devono essere riportati in base a quanto disposto dalla Direttiva 2002/46/CE:

  • la denominazione di vendita del prodotto (integratore alimentare, supplemento alimentare, complemento alimentare);
  • l’effetto nutritivo o fisiologico dichiarato dall’integratore;
  • elenco dettagliato degli ingredienti presenti nel prodotto che devono essere indicati in ordine decrescente, compresi eccipienti, additivi, edulcoranti e conservanti;
  • la tabella dei contenuti medi delle sostanze apportati dall’integratore con la dose giornaliera;
  • la dose giornaliera raccomandata, la modalità di assunzione e l’avvertenza di non superare la dose giornaliera raccomandata;
  • la data di scadenza e le modalità di conservazione;
  • le avvertenze speciali (es: non indicato in gravidanza o allattamento);
  • le indicazioni specifiche (vegan, senza lattosio, senza glutine, etc.);
  • il lotto di fabbricazione;
  • il formato, il quantitativo unitario e il contenuto netto del prodotto finito, espresso in unità di volume;
  • le indicazioni sull’azienda produttrice e confezionatore complete di ragione sociale.

Inoltre è bene inoltre ricordare che l’immissione in commercio di un integratore alimentare è subordinata alla procedura di notifica dell’etichetta al Ministero della Salute, evita quindi di comprare integratori che non soddisfano tale requisito.

I consigli da seguire prima di comprare un integratore alimentare

Ecco alcuni consigli che puoi seguire prima di comprare un integratore alimentare:

  1. non acquistare un integratore alimentare solo perché di moda o perché consigliato da un personaggio famoso sul web
  2. acquista un integratore alimentare solo dopo esserti informato sulla casa produttrice e sul suo processo di lavorazione
  3. controlla sempre che l’etichetta alimentare rispetti quanto previsto dalla legge europea
  4. attieniti sempre alla modalità di assunzione riportate sulla confezione e non eccedere
  5. ricordati che gli integratori alimentari non sostituiscono una dieta varia ed equilibrata e uno stile di vita sano
  6. chiedi consiglio al medico in caso di terapia farmacologica
  7. fai attenzione al contenitore dove è conservato il prodotto, perché l’unico materiale che garantisce la perfetta conservazione del prodotto nel tempo è il vetro scuro di grado farmaceutico.

Bene, ora hai tutti gli strumenti che ti occorrono per fare un corretto uso degli integratori e comprare un prodotto che sia davvero di qualità.

Se hai ancora dubbi o curiosità ricorda che puoi sempre contattarmi scrivendo nei commenti. Ci vediamo al prossimo articolo!

Ultimo aggiornamento il: 06/04/2023

Scritto da:

Dott.ssa Miriana Fabbri
Biologa

il

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 06/04/2023

Biossido di Silicio negli integratori: fa male? È tossico? Hai letto online delle notizie contrastanti sul biossido di Silicio e vuoi saperne di più? Sei nel...
Come diventare più ecologici in 5 mosse Il 22 aprile si è tenuto l’Earth day, la giornata della Terra. La Terra è la nostra casa, il luogo...
Autunno tempo di tisane: ecco quelle da provare Anche tu in autunno, quando fuori piove e inizia a fare freddino, ami trascorrere del tempo a casa...

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Lascia un commento

NOTE E BIBLIOGRAFIA

1 Webmd.com – Vitamin D – Uses, Side Effects, and More.

2 SATIEREAL® è un marchio Inoreal- SelectSIEVE® Rainbow è un marchio di Roelmi HPC.

3 Nutr Res. 2010 May;30(5):305-13. doi: 10.1016/j.nutres.2010.04.008. Satiereal, a Crocus sativus L extract, reducessnacking and increasessatiety in a randomized placebo-controlled study of mildlyoverweight, healthywomen. Gout B, Bourges C, Paineau-Dubreuil S.