Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Cistite da luna di miele: cause e rimedi naturali

cistite da luna di miele
Ormai ci hai fatto caso anche tu. Dopo ogni rapporto con il partner è sempre la stessa storia. Puntuali come un orologio, a nemmeno 24 ore di distanza dal rapporto, ecco arrivare bruciore, fastidio alla minzione e dolore.
Sembrano proprio i classici sintomi di un’infezione delle vie urinarie.
Non è vero? In effetti, potrebbe essere proprio così. Esiste infatti un particolare tipo di infezione delle vie urinarie chiamata cistite da luna di miele o honey moon syndrome che può verificarsi a seguito di un rapporto sessuale. Al contrario di ciò che si può pensare, sono molte le donne che soffrono di questo disturbo e che ormai vivono i momenti di intimità con il partner con imbarazzo e preoccupazione. Tranquilla, tutto si risolve e insieme vedremo quali sono le cause e i rimedi naturali per la cistite da luna di miele.

Così che tu possa vivere i tuoi momenti di intimità senza paura di incorrere in un nuovo e fastidioso episodio di cistite. Nello specifico approfondiremo:

Non so tu, ma io non vedo l’ora di affrontare di petto l’argomento. Direi pertanto di non perdere tempo e iniziare subito a comprendere le cause che possono scatenare la cistite da luna di miele.

Cistite da luna di miele: quali sono le cause

Uno dei disturbi più diffusi nell’universo femminile è la cistite, un’infezione della vescica urinaria di origine batterica. Immagino che a questo punto tu possa chiederti qualcosa del tipo: Ok, ma se l’infezione è batterica, perché mi viene dopo ogni rapporto? Cosa c’entrano i batteri?

C’entrano, c’entrano. La colpa è sempre dei batteri. In particolare di uno chiamato Escherichia Coli e che vive beato nel nostro intestino. E ora ti spiego la connessione.

Esiste un motivo per cui le donne soffrono di cistite molto più spesso degli uomini e questo motivo è puramente anatomico. Nelle donne il retto, ossia l’ultima parte dell’intestino, dista pochissimo dall’uretra, il canale urinario. Pensa che la distanza nelle donne tra retto e uretra è solo di 3 cm. Anche l’uretra femminile è molto più corta di quella maschile. Nello specifico, la sua lunghezza può variare da uno a 5 cm.

Quindi, capirai bene che il percorso che devono fare i batteri intestinali per raggiungere la vescica è davvero molto breve e praticabile senza troppa fatica. Specialmente se aiutati da un rapporto sessuale, che può irritare il canale uretrale e favorire l’accesso dei batteri.
I sintomi della cistite da luna di miele possono presentarsi dopo 6/48 ore dal rapporto. Quindi mai abbassare la guardia!

Ok, ora che abbiamo scoperto le cause della cistite da luna di miele, passiamo ai rimedi naturali per trattarla.

Cistite da luna di miele: rimedi naturali per trattarla

Quando ormai il guaio è fatto è inutile piangere sul latte versato. Molto meglio concentrarsi sulla soluzione al problema. Passiamo quindi a quelli che sono i rimedi naturali più efficaci per trattare la cistite da luna di miele.

Cosa utilizzare allora per placare i fastidi e tornare al più presto alla vita normale?

Il primo alleato contro gli episodi di cistite è il D-Mannosio. Il D-mannosio è uno zucchero semplice estratto dalla betulla che funziona un po’ come una calamita. Una volta introdotto nell’organismo e arrivato in vescica, il D-Mannosio attrae a sé l’Escherichia Coli, per poi trascinarlo via dalla vescica con il flusso urinario.

Il secondo alleato contro la cistite da luna di miele è il Cranberry. Il Cranberry, conosciuto anche come mirtillo rosso americano, svolge un’azione protettiva della mucosa vescicale, perché impedisce ai batteri di aderirvi.

In alcuni casi, potrebbe essere d’aiuto bere per un periodo del succo puro di Cranberry [1] per rendere l’urina più acida e di conseguenza meno ospitale per i batteri.

succo di mirtillo rosso americano bio

Il terzo alleato contro la cistite da luna di miele sono i Semi di pompelmo. I Semi di pompelmo, la cui azione è spesso paragonata a quella di un antibiotico naturale, aiutano a contrastare la cistite perché agiscono sui batteri, indebolendo e disgregando la loro parete cellulare [2]. Senza più la loro parete cellulare i batteri non sono più in grado di comunicare e vivere nell’ambiente esterno e poco alla volta, privati delle loro funzioni vitali, muoiono.  

Il quarto alleato contro la cistite è l’Uva Ursina, che agisce su quello che forse è il sintomo più fastidioso della cistite: la sensazione di dover fare pipì continuamente e la maggior parte delle volte senza nemmeno riuscirci! Grazie all’arbutina, il suo composto naturale attivo, l’Uva Ursina riesce ad agire favorevolmente sui sintomi della cistite riducendo il dolore, il bruciore e lo stimolo alla minzione.

A questo punto immagino che la tua domanda sia: Ok, perfetto ora so cosa funziona contro la cistite da luna di miele, ma dove trovo tutti questi rimedi naturali insieme? Voglio averli a porta di mano, la prossima volta che mi servirà. Voglio stare essere sicura e preparata.

In Diuresan Formula Potenziata Salugea, trovi D-Mannosio, Uva Ursina, Semi di pompelmo e Cranberry, sotto forma di estratti secchi titolati, la forma di estrazione della pianta più sicura ed efficace, la sola che concentra e lascia inalterate le sue proprietà originarie. 

Diuresan Formula Potenziata Salugea è un integratore 100% naturale formulato per aiutarti a trattare e pervenire gli episodi di cistite, compresi quelli favoriti dai rapporti con il partner.

Visti i rimedi, passiamo ora a come prevenire la cistite da luna di miele.

Diuresan Integratore per la ritenzione idrica

Cistite da luna di miele: gli accorgimenti per prevenirla

Un piccolo accorgimento per cercare di prevenire la cistite da luna di miele è quello di svuotare sempre la vescica sia prima che dopo i rapporti con il partner. Espellere l’urina prima e dopo ogni rapporto, consente di eliminare gran parte dei batteri presenti in vescica e rende quindi più difficile che possano dar vita al focolaio dell’infezione.  Così come potrebbe essere d’aiuto lavare la zona subito dopo la fine dell’atto sessuale, utilizzando un detergente delicato.

Sconsigliatissimo invece, l’utilizzo di lavande vaginali, che potrebbe alterare la flora batterica vaginale.

Un altro fattore che potrebbe favorire la cistite da luna di miele è la secchezza vaginale. Un fenomeno che si verifica soprattutto durante i periodi di forti cambiamenti ormonali. In questi casi può essere utile usare, prima di un rapporto intimo (ma anche dopo!), delle creme in grado di migliorare l’idratazione e la lubrificazione della zona genitale.

Spero che l’articolo ti abbia fornito degli utili consigli per affrontare la cistite da luna di miele in modo naturale e se avessi ancora dubbi o necessità ricordati che puoi scrivermi nei commenti!

Ultimo aggiornamento il: 30/08/2021

Scritto da:

Dott.ssa Cristina Bernagozzi
Naturopata

il

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 30/08/2021

Cisitite: cosa mangiare a colazione Alzi la mano chi come me pensa che la colazione sia il pasto più importante (e anche il più bello!) ...
Perché la cistite è più frequente nelle donne Non c’è donna che almeno una volta nella vita non abbia combattuto contro bruciore, fastidio, biso...
Cistite e freddo: perché la cistite è frequente in inverno e cosa fare Durante l’inverno la cistite è più frequente del solito e ti stai chiedendo perché? Bene, sei propri...

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Lascia un commento

NOTE E BIBLIOGRAFIA

[1] Mantzorou M, Giaginis C. Cranberry Consumption Against Urinary Tract Infections: Clinical Stateof- the-Art and Future Perspectives. Curr Pharm Biotechnol. 2018;19(13):1049-1063. doi:10.2174/1389201020666181206104129

[2] J Altern Complement Med. 2002 Jun;8(3):333-40. The effectiveness of processed grapefruit-seed extract as an antibacterial agent: II. Mechanism of action and in vitro toxicity. Heggers JP, Cottingham J, Gusman J, Reagor L, McCoy L, Carino E, Cox R, Zhao JG