Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Quanto dura l’influenza nei bambini?

Se avessi scommesso avresti vinto! A qualche giorno di distanza dall’inizio della scuola ecco arrivare puntuale come un orologio la prima influenza dell’anno e con lei tutti i suoi fastidiosi sintomi: tosse, naso che cola, mal di testa. E quanto è difficile mandarla via, più che una medicina servirebbe un miracolo! Comunque non disperare, anche se l’influenza nei bambini sembra infinita, in realtà dura in media 7 giorni.

Quelli che possono durare anche una o due settimane sono i suoi sintomi, in particolare la tosse e il senso di stanchezza. Ed è proprio il perdurare dei sintomi che tante volte diventa difficile da gestire sia per i bambini, sia per i genitori, che devono combattere per giorni con lavaggi nasali e aerosol. Discorso a parte, invece, va fatto per il comune raffreddore che nella maggior parte dei casi tende a risolversi in 3 o 5 giorni.

quanto dura l'influenza nel bambini

Cosa fare allora per rendere il decorso dell’influenza più “leggero” per i più piccoli e anche per mamma e papà? È presto detto:

  • sostieni le difese immunitarie dei bambini prima, durante e dopo l’influenza con l’aiuto di vitamine, minerali ed estratti vegetali dotati di proprietà immunostimolanti e immunomodulanti, per ottimizzare la risposta immunitaria e contrastare il senso di spossatezza. Ottima per adulti e bambini di età superiore a 3 anni la vitamina C, soprattutto se di origine naturale come quella che trovi nel Succo di Acerola BIO Salugea;
  • cura la sua alimentazione e assicurati sempre che il bambino, o la bambina, beva una sufficiente quantità di liquidi. Lo so, i bambini non sempre amano bere l’acqua così pura e semplice, in questo caso puoi optare per dei succhi di frutta senza zuccheri aggiunti, del brodo vegetale e delle tisane adatta anche a loro;
  • favorisci l’eliminazione delle secrezioni bronchiali e del muco con il Succo di Sambuco BIO e naturale, adatto ai bambini a partire dai 3 anni di età. Non hai mai sentito parlare delle sue proprietà? Non preoccuparti, avrai modo di approfondirle leggendo l’articolo;
  • rivolgiti sempre alla o al pediatra in caso di febbre e sintomi influenzali e chiedere il suo consiglio se la febbre è subito troppo alta o non scende dopo i primi due giorni.

I bambini, rispetto agli adulti, sono molto più soggetti ai malanni stagionali perché il loro sistema immunitario è ancora in fase di sviluppo, ecco perché può rivelarsi utile sostenerlo durante alcuni periodi dell’anno, soprattutto con l’inizio delle scuole, momento in cui le possibilità di contagio aumentano in modo esponenziale.

Scopri Immuno Bimbi: l’innovativo integratore per le difese immunitarie dei bambini dai 3 ai 12 anni, senza fruttosio né dolcificanti sintetici »

Se quest’anno vuoi partire con il piede giusto e apprendere tutto quello che c’è da sapere sul sistema immunitario di grandi e piccini, il consiglio è quello di scaricare la nostra guida gratuita sull’argomento e iniziare ad applicare i suoi numerosi consigli già a partire dai primi mesi autunnali. La guida intitolata “Come funziona e come sostenere il sistema immunitario” è disponibile qui.

Vitamine, minerali ed estratti vegetali per le difese immunitarie dei bambini

Quando i bambini stanno a casa con l’influenza il desiderio di ogni genitore è quello di vederli tornare al più presto a stare bene e con la vitalità e l’energia sempre. Purtroppo, però, l’influenza deve fare il suo corso e farla sparire in poche ore, ahimè, non è possibile.

Tuttavia, esistono dei rimedi in grado di sostenere i bambini durante il periodo influenzale e favorire il loro recupero. Tra questi i più adatti ed efficaci sono:

Conosciamoli meglio.

La vitamina C è senza meno la più famosa tra le vitamine e anche quella più utilizzata, specialmente durante i cambi di stagione e i mesi invernali. Noti, infatti, sono i suoi benefici sul benessere del sistema immunitario e il suo corretto funzionamento, come evidenziato nel corso degli anni da numerosi studi clinici1. Inoltre favorisce l’assorbimento del ferro, elemento essenziale per facilitare la ripresa durante la convalescenza.

la vitamina D, conosciuta soprattutto per il suo coinvolgimento nel metabolismo del calcio a livello osseo, è in realtà fondamentale per la corretta attivazione delle cellule immunitarie e in particolare dei linfociti T, delle cellule altamente specializzate il cui compito principale è quello di organizzare la squadra di difesa dell’organismo per contrare l’attacco di virus e batteri e, ovviamente, prepararle alla vittoria.

lo Zinco e il Selenio, invece, sono dotati di spiccate proprietà antiossidanti. Il loro compito principale è quello di proteggere le cellule immunitarie dal danno ossidativo prodotto dai radicali liberi.

La Propoli è uno dei doni più preziosi delle api e vanta proprietà antibatteriche e antivirali utili per contrastare i sintomi influenzali più comuni2, tra cui mal di gola e tosse.

L’Astragalo è una pianta poco conosciuta in occidente, ma molto apprezzata e utilizzata nella medicina tradizionale cinese per le sue proprietà toniche ed energizzanti. Il suo impiego può rivelarsi utile sia per un più facile recupero delle energie dopo l’influenza, sia per ottimizzare la risposta immunitaria dell’organismo.  

Anche se il modo migliore per assumere vitamine e minerali è con l’alimentazione, non sempre la quantità di vitamine presenti nella frutta e nella verdura consumate giornalmente è sufficiente a soddisfare il loro fabbisogno quotidiano.

Ecco perché in alcuni periodi dell’anno può rivelarsi opportuno ricorrere a una loro integrazione naturale.

Ad esempio, sapevi che una delle fonti naturali più ricche di vitamina C è il Succo di Acerola? Ovviamente purché puro, spremuto a freddo e contenuto in flaconi di vetro scuro farmaceutico, come quello Bio Salugea, di cui puoi leggere le caratteristiche qui.

Zinco, Selenio, Astragalo e Propoli fanno parte, invece, della composizione innovativa e 100% naturale di Immuno Bimbi Salugea, un integratore formulato e studiato per sostenere il sistema immunitario dei bambini dai 3 ai 12 anni, utile sia durante la fase preventiva, sia di recupero.

La corretta alimentazione per contrastare l’influenza

Probabilmente, se ci impegnassimo ogni giorno a seguire un’alimentazione sana, varia ed equilibrata il nostro organismo godrebbe di una maggiore condizione di benessere e sarebbe più resistente all’azione di virus e batteri. Così almeno la pensava Ippocrate che era solito dire “fa che il cibo sia la tua medicina”.

alimentazione sana

Purtroppo, però, oggi giorno il tempo che si dedica ai pasti è limitato e la maggior parte dei piatti che finisce in tavola è preconfezionato. Le verdure, così come la frutta, vengono coltivate in serra e non seguono più i ritmi della natura e questo le rende meno ricche di nutrienti.

Il consiglio, quindi, che vale sia per adulti che per i piccini, è quello di consumare quanto più possibile frutta e verdura di stagione e proveniente da agricoltura biologica.

Durante il periodo autunnale e invernale è bene prediligere alimenti come le arance, i kiwi, spinaci, zucca, cetriolo, cavolo cappuccio, etc.

Quando l’influenza viene a far visita ai più piccini è bene optare per pasti leggeri e facilmente digeribili come un buon brodo di verdure fresche, del pesce, o del tofu scottato alla piastra, o utilizzato per fare delle gustosissime polpette di spinaci da far leccare i baffi anche a Braccio di ferro!

Importante, poi, è la giusta assunzione di liquidi, per contrastare la disidratazione dell’organismo causata dalla febbre.

Il Succo di Sambuco per favorire l’eliminazione di muco e catarro

Dì la verità, anche tu odi i lavaggetti nasali, vero?

Beh, esistono dei rimedi che possono aiutarti a ridurre muco e catarro più semplicemente. Sto parlando del Succo di Sambuco. Lo conosci già?

Il Succo di Sambuco ottenuto dalla spremitura di sole bacche di Sambuco favorisce la fluidificazione delle secrezioni nasali e bronchiali e in caso di influenza può diventare un valido alleato per contrastare i sintomi più fastidiosi.

In più, il Succo di Sambuco stimola la sintesi da parte dell’organismo delle citochine anti-infiammatorie, che possiamo paragonare a dei segnali specifici usati dalle cellule immunitarie per comunicare tra loro e coordinare la battaglia contro virus e batteri. Migliore sarà la comunicazione tra le cellule immunitarie e più alte saranno le probabilità di portare a casa una vittoria e in tempi celeri.

Come vedi esistono diversi rimedi per sostenere i più piccini durante l’influenza e favorire una loro più celere ripresa. Ricordati sempre che, in caso di dubbio, la cosa migliore è sempre quella di parlarne con il pediatra.

Ci vediamo al prossimo articolo!

Ultimo aggiornamento il: 18/11/2021

Scritto da:

Dott.ssa Cristina Bernagozzi
Naturopata

il

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 18/11/2021

Prevenzione influenza bambini: tecniche e rimedi naturali Naso che cola, gola che brucia, tosse che gratta e febbre…direi che per i bambini è iniziata ufficia...
Miglior ricostituente per bambini dopo influenza: ecco quello naturale Tre giorni di scuola e tre giorni a casa con l’influenza? Passare l’inverno così è davvero dura … al...
Influenza 2021 nei bambini: come aiutarli? Prima quel colpo di tosse sospetto. Poi uno starnuto di troppo. E infine quella fronte calda che d...

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Lascia un commento

NOTE E BIBLIOGRAFIA

1Carr AC, Maggini S. Vitamin C and Immune Function. Nutrients. 2017 Nov 3;9(11):1211. doi: 10.3390/nu9111211. PMID: 29099763; PMCID: PMC5707683

2Wagh VD. Propolis: a wonder bees product and its pharmacological potentials. Adv Pharmacol Sci. 2013;2013:308249. doi: 10.1155/2013/308249. Epub 2013 Dec 9. PMID: 24382957; PMCID: PMC3872021.