Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Effetti del caffè: scopri cosa si nasconde dentro la tazzina che si beve con il mignolo in su!

“Ci vediamo per un caffè?” oppure “Pausa caffè?” o ancora “E adesso, per finire, un buon caffè”. Quante volte pronunci, o senti dire, queste frasi durante la giornata? La bevanda nera come la notte dall’aroma inconfondibile non conosce crisi, ma al pari della sua popolarità un’altra frase sta prendendo sempre più piede: “Il caffè fa male”.

Vero o falso? Resta con noi e imparerai quali sono gli effetti del caffè sul tuo corpo e come puoi utilizzare al meglio questa antica bevanda (lo sapevi che è seconda solo all’acqua?).

Effetti del caffè: cosa succede quando la tazzina incontra le tue labbra

Decisi e schietti come il caffè, anche noi andremo al punto e ti spiegheremo, tra pochissimo, gli effetti del caffè.

Quando bevi una tazzina di caffè introduci nel tuo corpo una sostanza chiamata caffeina (ogni tanto la scienza inventa anche nomi facili da ricordare! ☺). La caffeina è un alcaloide naturale (ops, abbiamo parlato troppo presto) i cui principali effetti sono: stimolare il sistema nervoso, migliorare la contrazione muscolare, mantenere l’attenzione e la concentrazione per più tempo e ossigenare i tessuti. Il tutto grazie principalmente al fatto che la caffeina induce a sua volta la produzione di adrenalina.

Detta in questi termini, la caffeina è proprio una tipa tosta che da subito ispira simpatia. E scommettiamo che la sua simpatia aumenta se ti diciamo che è contenuta anche nel tè e nella cioccolata, vero?

Il punto è che proprio per la sua popolarità tra gli alimenti e la facilità con cui prendiamo il caffè tutti i giorni che si è creata una vera e propria intossicazione di caffeina.

Effetti del caffè: tuffiamoci nella tazzina!

Hai fatto il biglietto? Come perché? Stiamo per partire per un tour all’interno del tuo corpo e vedremo insieme gli effetti del caffè nei vari organi:

  • Stomaco e Intestino: i nostro motori da combustione, il nostro tour immaginario poteva partire solo da loro! Se da un lato il caffè, preso in momenti precisi, può aiutare la digestione in quanto stimola la salivazione e la produzione di succhi gastrici, dall’altro (specialmente se preso tutti i giorni, per più volte al giorno) danneggia gravemente le pareti dello stomaco! Il danno più grosso l’abbiamo quando beviamo il caffè a stomaco vuoto, ad esempio la mattina appena alzati.

    Inoltre il consumo giornaliero di caffè può portare nel tempo a sviluppare veri e propri problemi dello stomaco come acidità, gastriti, reflusso e, andando un po’ più avanti, entriamo nell’intestino dove la caffeina può portare coliti, alvo alterno e malassorbimento. Va da sé che se soffri di questi disturbi il primo consiglio è quello di smettere di bere caffè.

  • Cuore e Circolazione: rimaniamo nella parte centrale del nostro corpo e spostiamoci verso colui che, nella medicina cinese, è definito l’Imperatore: il cuore. Il caffè, per le sue proprietà stimolanti può portare nel tempo a sviluppare ipertensioni, palpitazioni e tachicardia. Anche qui il discorso è valido anche al contrario; se soffri già di questi disturbi ti consigliamo di allontanare la tazzina dalle tue labbra il prima possibile.
  • Sistema osteo-articolare: ecco forse un aspetto che non avevi mai considerato. Quei fastidiosi mal di testa, la cervicale che ti blocca oppure i dolori alle spalle che non vogliono proprio abbandonarti potrebbero dipendere dal caffè. L’adrenalina prodotta dal caffè stimola il sistema nervoso simpatico (su questo nome scientifico alziamo le mani!) a rimanere sempre attivo. Questo si concretizza in fasce muscolari sempre tese che, a loro volta, mettono in tensione i tendini.
  • I tendini sono, infine, attaccati ai muscoli e alle ossa ed è proprio questa grande tensione che in superficie porta ad avvertire tensioni localizzate ed emicranie! Vuoi vedere che dipende proprio dal caffè!?
  • Sistema nervoso: Spostiamoci ai piani alti e vediamo cosa combina il caffè sul sistema nervoso centrale. Il caffè, specialmente preso nella seconda parte della giornata, può avere effetti negativi sulla qualità del sonno, causando notti in bianco e Morfeo sempre più lontano. Inoltre ha un impatto negativo sul trigemino, un nervo cranico, collegato con occhi, denti e mandibola, a livello dei quali può generare dolori e spasmi.

Guida I segreti di un riposo perfetto

  • Sistema ormonale: Ritorniamo giù (che montagne russe!) perché devi sapere che gli effetti del caffè possono scombussolare anche il sistema ormonale. La responsabile, l’avrai già capita, è sempre lei, la caffeina, che si comporta da dilatatatrice dei vasi. Questo può portare a essere più nervosi e per le donne in menopausa ad avere vampate più frequenti e intense!

 Il nostro tour immaginario è arrivato a destinazione e, se sei un amante del caffè, il tuo umore potrebbe non essere dei migliori. Ma stai tranquillo perché abbiamo preparato un’area ristoro di tutto rispetto, in cui ti daremo altre spiegazioni e…un’alternativa gustosissima!

Effetti del caffè: “Eppure io mi sento così energico”

Ti sarà capitato più volte, quando le energie sono a terra e le palpebre diventano pesanti, di prendere un caffè e tornare il leone di sempre (o almeno così ti sembra). In realtà questa nuova energia è, purtroppo, solo una parentesi da super eroe della stessa consistenza di una bolla di sapone.

In realtà quando sei stanco le tue energie sono quasi a zero, come una macchina in riserva. Ora, continua a pensare a una macchina con la lancetta della benzina sul rosso: cosa succederebbe se schiacciassi l’acceleratore al massimo? Esatto, bruceresti anche le ultime riserve. Se invece tu vai piano piano verso il benzinaio più vicino potrai fare il pieno e trasformarti da macchina rallentata a Ferrari sfrecciante.

Quando sei stanco e prendi il caffè è come se premessi il pedale del gas quando il tuo corpo ti chiede solo tempo per recuperare energie. L’adrenalina prodotta dalla caffeina induce un’accelerazione del metabolismo per cui consumi di più e più in fretta anche le ultime riserve.

Inoltre, non solo tu stai chiedendo troppo al tuo corpo in termini di energia ma anche i tuoi organi si affaticheranno di più perché non hanno energie disponibili per fare i loro compiti. E qui iniziano i mal di testa, le emicranie, l’acidità…

Per rendere il caffè la tua arma segreta…

Dopo aver letto gli effetti del caffè e capito il falso mito del “quando sei giù, una tazzina ti tira su”, ti vogliamo svelare tre accortezze, per poter bere il caffè e trasformarlo nella tua arma segreta.

  • Il caffè deve essere preso quando sei ancora a metà serbatoio di energie
  • Deve essere mirato: prendilo in quei giorni che sai che saranno tosti
  • Massimo due tazzine al giorno per 5 giorni e poi stop per altri 5!

 E ora il trucco dei trucchi…

Puoi evitare gli effetti del caffè con…il caffè della Peppina!

Basta il nome per far partire nella tua mente la canzoncina dello Zecchino d’Oro che ha reso la Peppina famosa a tutti noi. Ma sai cosa contiene il caffè delle Peppina e perché non si beve la mattina?

Durante la prima guerra mondiale si diffuse tra i soldati italiani l’abitudine di bere il caffè la mattina; questo avrebbe dato loro la possibilità (o l’illusione) di essere svegli e scattanti come un ghepardo. E saranno proprio loro, i soldati, una volta rientrati a casa a diffondere questa abitudine.

Ma il caffè era roba per ricchi e così negli anni seguenti tra la gente comune si diffuse un’altra bevanda che del caffè aveva solo l’aspetto ma dentro conteneva ben altro che chicchi tostati e macinati: cicoria essiccata e segale. Quando si dice che la necessità aguzza l’ingegno!

Questo mix oltre al sapore particolarmente amaro, aveva la capacità di essere un depurativo anche molto forte, se preso in abbondanza, tanto da essere considerato un vero e proprio lassativo.

Ecco spiegato perché il caffè della Peppina non si beve la mattina, come dice la famosa canzoncina!

Come dice il detto, il tempo porta consiglio, e negli anni anche il caffè di cicoria si è evoluto diventando un’ottima alternativa al caffè tradizionale. Dal passato il suo gusto è decisamente migliorato, l’amaro è diventato un retrogusto nel quale si colgono anche note di liquirizia e caramello. E inoltre non ha glutine rendendolo in un colpo solo la bevanda adatta a tutti.

 Adesso anche tu saprai cosa rispondere al dilemma “il caffè fa male” e avrai anche la storiella della Peppina per far capire ai tuoi amici che ci sono alternative molto gustose!

 

LEGGI ANCHE: Depurare intestino e colon naturalmente

Ultimo aggiornamento il: 07/12/2018

"I veri amici
condividono tutto"

Conosci un amico che potrebbe trovare utile questo post?
Condividilo con lui!

Scritto da:

La Redazione
Naturopata

il 11/05/18 16.29

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 26/11/2018

Trackback dal tuo sito.

Facciamo due chiacchere?

Lascia un commento

Stress e colesterolo Vivere sotto tensione aumenta i valori del colesterolo e il rischio cardiovascolare È vero, a confe...
Ritrova calma e distensione l ritmi sempre più frenetici, le paure generate dalla crisi e dall’incertezza sul futuro, non ci per...
Orticaria da stress: cosa funziona veramente Che tu sappia l’inglese livello madre o scimmiotti qualche termine, la parola “rush” può solo farti ...
Passeggiare nel verde migliora la vita Interessanti i risultati di uno studio californiano sullo stress psico-fisico Passeggiare immersi...
Pensiero positivo. Esercizi per vivere meglio Sarà capitato anche a te, in un momento di sconforto, di sentirti dire da un amico: “Pensa positivo!...
Felicità ed Equilibrio in 3 mosse Se vuoi configgere dolori alla schiena, mal di testa e tensioni non devono mancare nella tua vita qu...