Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Cattiva circolazione gambe e cellulite: cosa fare

Cattiva circolazione gambe e cellulite

Cattiva circolazione a livello delle gambe e cellulite sono due eventi strettamente legati fra loro. L’uno influisce sull’altro.

Per esempio si inizia con un po’ di capillari in evidenza e gambe stanche e pesanti a fine giornata e poi con il tempo ecco che fa capolino la cellulite. Le cellule adipose ingrossate a loro volta schiacciano i vasi, nello specifico i capillari, peggiorando ancora di più la situazione. Insomma un cane che si morde la coda!

Eh sì perché devi sapere che l’efficienza del sistema venoso e capillare è fondamentale per trasportare le tossine e le scorie metaboliche dalle cellule dei tessuti periferici verso gli organi di smaltimento.

Hai già letto di qualche rimedio naturale per la cattiva circolazione ma vuoi saperne di più?

Scarica la guida gratuita dedicata a vene e circolazione: Gambe Leggere

In questo articolo scopri cosa fare quando sono presenti entrambe le situazioni e quali sono gli integratori più adatti.

Cattiva circolazione delle gambe: Ippocastano e Amamelide corrono in tuo aiuto

Oltre ai classici rimedi fai da te come massaggi e docce a temperatura alternata,che vanno benissimo per aiutare le tue gambe a sgonfiarsi, puoi contemporaneamente agire dall’interno con estratti vegetali specifici.

Esistono infatti alcune piante che possono aiutarti a proteggere e sostenere la circolazione in modo da non arrivare a fine giornata con due tronchi al posto delle gambe.

Come ti ho anticipato nel titolo, Ippocastano e Amamelide sono due punti fermi quando si parla di capillari fragili, gambe gonfie e circolazione venosa poco efficiente.

Non li hai mai provati prima e non li conosci bene? Nessun problema, approfondiamo!

Ippocastano per la circolazione delle gambe

ippocastano utile per la circolazione

L’Ippocastano, anche conosciuto con il nome castagno d’India, è una pianta molto utilizzata a fini ornamentali ma non solo! Infatti in passato veniva usato anche nella medicina veterinaria e anche per trattare i geloni. Attualmente è molto utilizzato per le sue proprietà officinali.

Il principio attivo che caratterizza l’Ippocastano è l’escina, che si trova nella corteccia e nei semi (che assomigliano a delle castagne).

L’escina è stata isolata per la prima volta nel 1953 e si è dimostrata utile per le sue proprietà antiedematose, antinfiammatorie, venotoniche e di protezione nei confronti dell’endotelio, specialmente in situazioni di ipossia (bassi livelli di ossigenazione del sangue)1.

Una revisione condotta dall’Università di Catanzaro2 ha riportato che l’escina, grazie all’inibizione del rilascio di mediatori dell’infiammazione, mostra proprietà antinfiammatorie. Nel dettaglio favorisce la riduzione della permeabilità vascolare dei tessuti infiammati, inibendo così la formazione di edemi. Ecco perché viene impiegata con successo in situazioni di insufficienza venosa3.

Amamelide per la circolazione delle gambe

amamelide per la circolazione sanguigna

L’Amamelide è una pianta tipica del Canada e degli Stati Uniti dell’est e ha diverse tipologie di applicazione.

Nel tuo caso devi sapere che è molto utile in caso di capillari fragili, vene in evidenza e anche per il sostegno del plesso emorroidario4.

Come? Grazie alla presenza di alcuni composti attivi, i tannini, è in grado di svolgere un’azione astringente e antinfiammatoria.

L’Amamelide si è rivelata un ottimo elemento per preservare l’integrità vascolare5 perché oltre a promuovere la vasocostrizione, si è visto che i tannini contenuti nel suo estratto sono in grado di inibire le collagenasi, enzimi che degradano il collagene6.

Il collagene costituisce buona parte delle pareti vascolari ed è responsabile dell’elasticità dei vasi, quindi proteggerlo dalla degradazione è molto importante per supportare l’efficienza dei vasi sanguigni.

Puoi trovare sia l’Ippocastano che l’Amamelide, insieme ad altri elementi sinergici, nell’integratore Venasal. È 100% naturale e gli ingredienti si trovano sotto forma di estratti secchi titolati. Questo tipo di estratto è la miglior tipologia di lavorazione della pianta, perché ti dà la garanzia che il principio attivo (es. escina, tannini…) sia sempre presente in quantità costante.

Venasal Salugea integratore per la circolazione

Come si fa a riconoscere un estratto semplice da uno titolato? Semplice, leggendo l’etichetta!

Ecco le due diverse diciture che puoi trovare in etichetta.

Estratto secco semplice: Ippocastano e.s.

Estratto secco titolato: Ippocastano e.s. tit. ..% in escina

Inestetismi della cellulite: come fare?

Se la circolazione è un po’ sofferente è molto facile che con il tempo si possa formare anche la tanto temuta “buccia d’arancia”.

La pelle a buccia d’arancia, o gli inestetismi della cellulite che dir si voglia, è la conseguenza visibile a livello superficiale di uno squilibrio interno dei tessuti:

  • Cattiva microcircolazione
  • Accumulo di tossine nelle cellule e nei tessuti
  • Ristagno di liquidi di ritenzione
  • Ingrossamento delle cellule adipose

L’accumulo di scorie e l’ingrossamento delle cellule non fa altro che schiacciare i vasi, sia sanguigni che linfatici, contribuendo a peggiorare la situazione!

Hai già provato creme e camminate infinite senza troppi risultati? È il momento di agire dall’interno per dare una bella scossa alla situazione! Parola d’ordine: Alimentazione e Integrazione.

L’alimentazione è fondamentale per ridurre gli inestetismi della cellulite, ricordati che, come abbiamo detto sopra, in tali casi c’è sempre anche un accumulo adiposo! Puoi trovare spunti interessanti per variare la tua alimentazione e per conoscere gli alimenti più adatti in questo articolo dedicato alla dieta anticellulite.

In aggiunta, è molto importante affidarsi ad integratori alimentari validi che ti possano dare una spinta in più in questa battaglia 😉 Non ne ha mai provati oppure lo hai fatto ma senza trovare quello giusto? Niente paura! Ecco qualche suggerimento per fare la scelta giusta.

Ananas e Gynostemma per combattere gli inestetismi della cellulite

Ti stai chiedendo perché proprio queste piante? Te lo spiego subito 😉

Ananas

ananas contro la cellulite

ananas contro la cellulite

Il suo gambo è ricco di un composto che si chiama Bromelina. Nello specifico si tratta di un complesso enzimatico a cui sono state attribuite anche proprietà antiedematose, antinfiammatorie e antiossidanti7. Tutte azioni molto importanti per contrastare gli inestetismi della cellulite. Non dimenticare infatti che tutto questo intasamento che si verifica a livello del tessuto connettivo delle gambe, genera una infiammazione del tessuto stesso.

La bromelina, inoltre, offre anche una protezione cardiovascolare8 ad ampio spettro!

P.S.: se ti piace mangiare l’ananas, specialmente in estate, continua a farlo perché è ricco di vitamine e minerali! Il frutto però non si sostituisce ad un integratore, perché quest’ultimo è in grado di darti la bromelina contenuta soprattutto nella parte non commestibile della pianta (il gambo).

Gynostemma

gynostemma contro la cellulite

Lei non può mancare nel tuo team. L’estratto di Gynostemma infatti è utile per controllare il metabolismo carboidrati e grassi9.

Questo estratto ricco di molecole attive chiamate gypenosidi si è rivelato efficace nella perdita di peso proprio per il suo effetto anti-sovrappeso10.

Con queste premesse direi che, per contrastare i “bozzetti” tipici degli inestetismi della cellulite, è proprio l’alleata giusta!

Quando stai per fare la scelta del tuo integratore, ti consiglio di verificare dei punti fondamentali per essere sicura di acquistare un prodotto efficace e di qualità.

  1. Ingredienti vegetali sotto forma di “estratti secchi titolati”. Come ti ho già anticipato prima, questa è la miglior forma di lavorazione delle piante. Sinonimo di qualità ed efficacia. Lavorazioni più semplici come le polveri micronizzate o gli estratti secchi semplici non ci danno questa certezza. Per capire che tipo di lavorazione c’è negli ingredienti di un integratore ti basta controllare che in etichetta ci sia la dicitura “e.s. tit. …%”!
  2. Confezione in vetro scuro. Il vetro scuro è l’unico materiale in grado di garantire l’ottimale conservazione nel tempo del prodotto, proteggendone il contenuto da luce e calore. Inoltre è un materiale inerte per cui non si degrada e non rilascia particelle dannose, cosa che invece può accadere con confezioni in plastica o blister, specie se esposte a variazioni
  3. Ingredienti al primo posto! Per essere sicura di avere fra le mani un prodotto davvero valido, verifica che nell’elenco degli ingredienti gli estratti siano sempre ai primi posti e gli eccipienti tecnologici in fondo alla lista. In questo modo sai che la maggior parte del prodotto è composto da componenti attive e utili, perché in etichetta gli ingredienti si scrivono da quello presente in quantità maggiore a quello minore.

Gli integratori consigliati

Puoi abbinare a Venasal, l’integratore 100% naturale di cui ti parlavo prima per il sostegno della circolazione, anche Biosnel Formula Potenziata che contiene estratti secchi titolati di Ananas, Gynostemma, Vite rossa, Centella e Garcinia per contrastare l’aspetto a buccia d’arancia.

Potrai finalmente avere gambe leggere e libere dagli inestetismi 😉

Biosnel integratore Salugea

Ultimo aggiornamento il: 02/09/2022

Scritto da:

Dott.ssa Miriana Fabbri
Biologa

il

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 02/09/2022

Estratti vegetali anticellulite: quali sono i più efficaci? Stai cercando della cavalleria per contrastare gli inestetismi della cellulite? Cosa aspetti ad ar...
Smagliature rosse: cause e rimedi naturali Le smagliature, a differenza della cellulite, non si fanno troppi problemi di genere. Possono comp...
La dieta per cellulite e ritenzione idrica Come saprai già, la ritenzione idrica e gli inestetismi della cellulite sono aspetti che hanno bisog...

Tags: , , ,

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Lascia un commento

NOTE E BIBLIOGRAFIA

1Sirtori CR. Aescin: pharmacology, pharmacokinetics and therapeutic profile. Pharmacol Res. 2001 Sep;44(3):183-93. doi: 10.1006/phrs.2001.0847. PMID: 11529685.

2Gallelli L. Escin: a review of its anti-edematous, anti-inflammatory, and venotonic properties. Drug Des Devel Ther. 2019 Sep 27;13:3425-3437. doi: 10.2147/DDDT.S207720. PMID: 31631970; PMCID: PMC6776292.

3Gallelli L, Cione E, Wang T, Zhang L. Glucocorticoid-Like Activity of Escin: A New Mechanism for an Old Drug. Drug Des Devel Ther. 2021 Feb 24;15:699-704. doi: 10.2147/DDDT.S297501. PMID: 33658760; PMCID: PMC7917317.

4MacKay D. Hemorrhoids and varicose veins: a review of treatment options. Altern Med Rev. 2001 Apr;6(2):126-40. PMID: 11302778.

5Hamamelitannin from Hamamelis virginiana inhibits the tumour necrosis factor-alpha (TNF)-induced endothelial cell death in vitro – Toxicon. 2002 Jan;40(1):83-8. doi: 10.1016/s0041-0101(01)00195-7. S. Habtemariam.

6Raposo A, Saraiva A, Ramos F, Carrascosa C, Raheem D, Bárbara R, Silva H. The Role of Food Supplementation in Microcirculation-A Comprehensive Review. Biology (Basel). 2021 Jul 2;10(7):616. doi: 10.3390/biology10070616. PMID: 34356471; PMCID: PMC8301032.

7Rathnavelu V, Alitheen NB, Sohila S, Kanagesan S, Ramesh R. Potential role of bromelain in clinical and therapeutic applications. Biomed Rep. 2016 Sep;5(3):283-288. doi: 10.3892/br.2016.720. Epub 2016 Jul 18. PMID: 27602208; PMCID: PMC4998156.

8Pavan R, Jain S, Shraddha, Kumar A. Properties and therapeutic application of bromelain: a review. Biotechnol Res Int. 2012;2012:976203. doi: 10.1155/2012/976203. Epub 2012 Dec 10. PMID: 23304525; PMCID: PMC3529416.

9Nguyen NH, Ha TKQ, Yang JL, Pham HTT, Oh WK. Triterpenoids from the genus Gynostemma: Chemistry and pharmacological activities. J Ethnopharmacol. 2021 Mar 25;268:113574. doi: 10.1016/j.jep.2020.113574. Epub 2020 Nov 10. PMID: 33186700.

10Su C, Li N, Ren R, Wang Y, Su X, Lu F, Zong R, Yang L, Ma X. Progress in the Medicinal Value, Bioactive Compounds, and Pharmacological Activities of Gynostemma pentaphyllum. Molecules. 2021 Oct 15;26(20):6249. doi: 10.3390/molecules26206249. PMID: 34684830; PMCID: PMC8540791.