Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Detox: significato e pratiche consigliate

significato della parola detox

Qual’è il significato di detox? La parola detox è l’abbreviazione della parola inglese detoxing che significa disintossicare, disintossicante, detossinare. Ma cosa vuol dire in pratica “fare una detossinazione”? Quando veramente serve? Quali sono le pratiche consigliate? Qui tante risposte!

Cos’è la detossinazione e quando è utile farla?

Fare un’azione detox sull’organismo vuol dire liberarlo da scorie e tossine accumulate in eccesso, in questo modo si possono recuperare le energie perdute e ritrovare l’equilibrio dell’organismo.

Ma perché si accumulano queste tossine?

Come per tutte le cose, si accumulano quando non c’è un sufficiente smaltimento. Questo può succedere perché gli organi deputati allo smaltimento (fegato e reni) ricevono talmente tante scorie che non hanno il tempo di smaltirlo. Infatti devono occuparsi sia delle tossine endogene che di quelle esogene, ovvero sia dei normali prodotti di scarto delle reazioni metaboliche organiche sia delle tossine introdotte dall’esterno (coloranti, conservanti, inquinamento…).

Per fare un esempio pratico, se il netturbino passa ritirare la spazzatura con troppi giorni di distanza i bidoni continueranno a riempirsi fino a strabordare, perché comunque le persone continueranno a produrre immondizia.

P.S.: Se vuoi saperne di più sugli organi coinvolti nella depurazione ti consiglio anche di scaricare la guida gratuita per la Depurazione qui sotto:

Scarica l’eBook gratuito: Guida alla Depurazione, Salute e Bellezza (pdf)

Quali sono i segnali di un organismo “intasato dalle tossine”?

  • Pelle spenta e ingrigita, perdita di capelli
  • Gonfiori
  • Stanchezza e mal di testa frequenti
  • Difficoltà di digestione
  • Insonnia e irritabilità
  • Mancanza di energia e concentrazione

Quando è utile fare una detossinazione? Partendo dal presupposto che per mantenere il proprio organismo al top delle sue funzionalità il “detox” deve essere uno stile di vita (alimentazione sana ed equilibrata, attività sportiva quotidiana), ci sono alcuni periodi in cui è utile fare una depurazione completa a 360°.

  • Dopo un periodo di alimentazione sregolata e con qualche eccesso
  • Dopo un periodo di assunzione di farmaci
  • Al cambio di stagione, per sostenere al meglio l’apparato gastro-intestinale e il fegato

Per svolgere una detossinazione profonda puoi associare alimentazione, integrazione, sport e buone abitudini.

Puoi fare periodi “detox” durante l’anno, per esempio dopo gli stravizi delle festività o delle ferie ma il meglio che puoi fare per il mantenimento del benessere a 360° del tuo organismo è adottare sempre uno stile di vita sano (e non solo qualche volta l’anno). Quindi adottare un’alimentazione equilibrata (non stringente o ipocalorica) che sia sostenibile a lungo e che abbia al suo interno alimenti depurativi, accostando a questo un’attività sportiva adeguata e costante. Infatti con il sudore espulso durante gli sforzi vengono eliminate anche molte tossine.

Pratiche consigliate per un’azione detox

Dieta detox

L’alimentazione è senza dubbio la chiave principale per aprire la porta della depurazione. Infatti tutto quello che introduciamo nel nostro corpo si trasforma in energia e scarti. Più un alimento è di scarsa qualità, pieno di conservanti e coloranti e più intaserà il fegato e l’organismo di tossine.

Per fortuna il corpo umano è una macchina efficientissima che ha sistemi integrati per ripulirsi da tossine e scorie metaboliche. Però se si segue uno stile di vita squilibrato, con livelli di stress alle stelle e magari anche poco movimento, anche la macchina più efficiente si “inceppa”.

cucina detox

Ecco perché è utile seguire una dieta detox quando ti senti un po’ “ingolfato”. Puoi seguirla per esempio per una settimana in maniera rigorosa in modo tale da svolgere un’azione detossinante profonda ed equilibrare l’intestino.

Poi puoi prendere spunto da quello che hai fatto per poi proseguire con un’alimentazione sana e sostenibile nel lungo periodo (che non ti faccia fare la fame!). Fatti consigliare in questo da un Nutrizionista.

Se è la prima volta che ti approcci ad una “dieta detox e non sai da dove partire oppure l’hai già fatta in passato e vuoi qualche spunto nuovo ti consiglio la lettura di questo articolo su una dieta depurativa, sgonfiante e drenante. Troverai suggerimenti interessanti per abbinare i nutrienti e consigli per mantenere uno stile di vita equilibrato 😉

Depurare il fegato con erbe specifiche

estratti vegetali detox

Per dare un sostegno mirato al tuo fegato e aiutarlo a smaltire le tossine accumulate, ti consiglio anche di associare alla dieta un integratore a base di erbe utili per questa esigenza. Utilizzare questo tipo di integratore ti permette di svolgere un’azione detox in maniera costante e più a lungo, per esempio per un mese.

Le “migliori amiche” del fegato sono per esempio piante come il Fillanto, il Cardo mariano, il Carciofo, la Fumaria e l’Olivo (le sue foglie).

Le parti aeree del Fillanto1 sono utili in particolare per il sostegno della funzionalità epatica e dell’apparato urinario e sono di supporto per il metabolismo dei carboidrati.

Le foglie del Carciofo2 e i frutti del Cardo mariano3 oltre a sostenere la funzione digestiva ed epatica, favoriscono anche l’eliminazione dei gas intestinali e le funzioni depurative dell’organismo.

Le sommità fiorite della Fumaria4 sono utili in particolare per favorire la funzione digestiva e epatobiliare e anche per la depurazione dell’organismo, specialmente in relazione al benessere della pelle.

I prodotti dell’Olivo sono utilizzati da secoli nel campo del benessere. In particolare le foglie d’olivo5 contengono dei composti dalla potente azione antiossidante, molto utile quando si parla di “detox” e contrasto dei radicali liberi. Per di più supportano il metabolismo dei carboidrati e dei grassi.

Come utilizzare le erbe?

Per trarre il massimo dei benefici da queste piante ti consiglio di scegliere un integratore che sia a base di estratti secchi titolati. Tisane, infusi o altre lavorazioni più semplici hanno infatti un’azione più blanda.

L’estratto secco titolato, infatti, ti dà la garanzia della presenza certa e costante del principio attivo. Presenza di principio attivo = benefici 🙂

Puoi trovare le “piante amiche del fegato” e della tua depurazione in Epasal. È un integratore in capsule, 100% naturale a base di estratti secchi titolati e racchiuso in flaconi di vetro scuro. Solo alta qualità per il tuo benessere!

Epasal Salugea integratore per la depurazione del fegato

Drenare i liquidi in eccesso con estratti vegetali specifici

Quando l’organismo è intasato dalle tossine, lavora un po’ a rilento ed è molto facile che si accumulino liquidi in eccesso, specialmente a livello degli arti inferiori. Cosa fare allora per smaltirli?

Ovviamente se decidi di attuare un approccio completo per la tua fase “detox” avrai già capito che è importante:

  • bere almeno 2 litri di acqua al giorno;
  • introdurre alimenti ad azione depurativa.

Però non sempre “l’acqua elimina l’acqua”, quindi bere molto non è sufficiente per eliminare i liquidi di ritenzione.

Per fortuna in natura esistono delle piante che sono in grado di supportare la funzionalità urinaria e di favorire il drenaggio dei liquidi.

pratiche detox per il fegato

Hai mai sentito parlare di Pilosella6, Betulla7, Ortosiphon8, Frassino9 e Ibisco10?

Magari conosci Frassino e Betulla per i colori del legno della cucina… Allora ti svelo un segreto: usando gli estratti di queste piante in combinazione puoi drenare i liquidi in eccesso, eliminare le tossine accumulate e sostenere la funzionalità delle vie urinarie!

Da ultimo ma non per importanza, non dovrai ricreare un infuso magico in casa, ti basterà affidarti a Diuresan Formula Potenziata. È un integratore 100% naturale in cui Pilosella, Betulla, Ortosiphon, Frassino e Ibisco sono presenti sotto forma di estratti secchi, sapientemente dosati.

integratore drenante

Respirazione e yoga per un’azione detox

Altre due pratiche che puoi fare, oltre all’alimentazione e all’integrazione, sono gli esercizi di respirazione e seguire un corso di yoga.

Spesso non ce ne accorgiamo ma il nostro respiro può diventare corto e veloce così come sono le nostre giornate. Questo non è un bene per il nostro organismo, non ci permette di ossigenare correttamente le nostre cellule e per di più si può contrarre il diaframma con conseguenti fastidi al petto o alla schiena (che spesso sembrano inspiegabili).

Fare degli esercizi di respirazione, imparando ad usare correttamente il diaframma, può aiutarti ad ossigenare al meglio i tessuti e facilitare lo smaltimento delle tossine.

respirazione detox

Inoltre fare attività fisica è molto importante per il sostegno del sistema cardiocircolatorio e per facilitare lo smaltimento delle tossine dai tessuti periferici, verso gli organi deputati all’espulsione. Lo yoga in particolare concilia respirazione, meditazione e tonificazione dell’organismo.

L’azione detox dello yoga è data da una promozione della vascolarizzazione e quindi una più efficace eliminazione delle tossine. Inoltre con la pratica regolare e costante si può ottenere un miglioramento notevolmente anche della funzionalità gastrointestinale.

Ultimo aggiornamento il: 02/09/2022

Scritto da:

Dott.ssa Miriana Fabbri
Biologa

il

Revisionato da:

Dott. Stefano Censani
Biologo e Naturopata

il 02/09/2022

Come depurare i reni in maniera naturale I reni sono degli organi fondamentali per l’organismo e se stai considerando l’idea di prendertene...
Centrifugati detox: curiosità e ricette Avrai sicuramente sentito parlare dei centrifugati detox come uno dei rimedi a cui ti puoi affidare ...
Nuove scoperte: microplastiche nel sangue Negli ultimi due anni l’argomento “inquinamento ambientale”, in particolare legato alle microplastic...

Lascia qui un Commento...
e ricevi un Regalo!

Commenta questo post o raccontandoci la tua esperienza...
Riceverai un Coupon Sconto via e-mail che potrai utilizzare nel negozio di prodotti naturali Salugea.com

Facciamo due chiacchere?

Lascia un commento

NOTE E BIBLIOGRAFIA

1Lee NY, Khoo WK, Adnan MA, Mahalingam TP, Fernandez AR, Jeevaratnam K. The pharmacological potential of Phyllanthus niruri. J Pharm Pharmacol. 2016 Aug;68(8):953-69. doi: 10.1111/jphp.12565. Epub 2016 Jun 10. PMID: 27283048.

2Ben Salem M, Affes H, Ksouda K, Dhouibi R, Sahnoun Z, Hammami S, Zeghal KM. Pharmacological Studies of Artichoke Leaf Extract and Their Health Benefits. Plant Foods Hum Nutr. 2015 Dec;70(4):441-53. doi: 10.1007/s11130-015-0503-8. PMID: 26310198.

3Hackett ES, Twedt DC, Gustafson DL. Milk thistle and its derivative compounds: a review of opportunities for treatment of liver disease. J Vet Intern Med. 2013 Jan-Feb;27(1):10-6. doi: 10.1111/jvim.12002. Epub 2012 Nov 9. PMID: 23140176.

4Aktay G, Deliorman D, Ergun E, Ergun F, Yeşilada E, Cevik C. Hepatoprotective effects of Turkish folk remedies on experimental liver injury. J Ethnopharmacol. 2000 Nov;73(1-2):121-9. doi: 10.1016/s0378-8741(00)00286-5. PMID: 11025147.

5Barbaro B, Toietta G, Maggio R, Arciello M, Tarocchi M, Galli A, Balsano C. Effects of the olive-derived polyphenol oleuropein on human health. Int J Mol Sci. 2014 Oct 14;15(10):18508-24. doi: 10.3390/ijms151018508. PMID: 25318054; PMCID: PMC4227229.

6Stanojević L, Stanković M, Nikolić V, Nikolić L, Ristić D, Canadanovic-Brunet J, Tumbas V. Antioxidant Activity and Total Phenolic and Flavonoid Contents of Hieracium pilosella L. Extracts. Sensors (Basel). 2009;9(7):5702-14. doi: 10.3390/s90705702. Epub 2009 Jul 16. PMID: 22346723; PMCID: PMC3274148.

7Raudonė L, Raudonis R, Janulis V, Viškelis P. Quality evaluation of different preparations of dry extracts of birch (Betula pendula Roth) leaves. Nat Prod Res. 2014;28(19):1645-8. doi: 10.1080/14786419.2014.925893. Epub 2014 Jun 17. PMID: 24934103.

8Ameer OZ, Salman IM, Asmawi MZ, Ibraheem ZO, Yam MF. Orthosiphon stamineus: traditional uses, phytochemistry, pharmacology, and toxicology. J Med Food. 2012 Aug;15(8):678-90. doi: 10.1089/jmf.2011.1973. Epub 2012 Jun 25. PMID: 22846075.

9Casadebaig J, Jacob M, Cassanas G, Gaudy D, Baylac G, Puech A. Physicochemical and pharmacological properties of spray-dried powders from Fraxinus excelsior leaf extracts. J Ethnopharmacol. 1989 Sep;26(2):211-6. doi: 10.1016/0378-8741(89)90069-x. PMID: 2601362.

10Alarcón-Alonso J, Zamilpa A, Aguilar FA, Herrera-Ruiz M, Tortoriello J, Jimenez-Ferrer E. Pharmacological characterization of the diuretic effect of Hibiscus sabdariffa Linn (Malvaceae) extract. J Ethnopharmacol. 2012 Feb 15;139(3):751-6. doi: 10.1016/j.jep.2011.12.005. Epub 2011 Dec 13. PMID: 22178178.